SARONNO – Niente fascia tricolore e niente inno nazionale:”Orgoglioso di appartenere alla grande famiglia leghista con il sindaco saronnese Alessandro Fagioli!” Ad affermarlo Andrea Monti, esponente di spicco del Carroccio nella vicina Brianza, attualmente consigliere provinciale ed assessore a Lazzate; figlio dello scomparso senatore Cesarino Monti.

24102015 ciocchina 2015 (38)

Dopo che nella città degli amaretti qualcuno aveva storto il naso, l’altro sabato, alla consegna delle civiche benemerenza della Ciocchina in sala Vanelli dove il sindaco Fagioli era privo di fascia e dove non è stato fatto suonare l’inno, Monti commenta su Facebook:”Mi sento particolarmente orgoglioso di appartenere alla grande famiglia della Lega Nord! Il nostro sindaco Alessandro Fagioli rappresenta e difende innanzitutto i cittadini di Saronno, non uno Stato italiano cialtrone che pare aiutare solo ladri, delinquenti e balordi! Bene ha fatto, niente fascia, niente inno, niente bandiere e niente discorso del prefetto romano! Avanti così, il popolo sarà sempre con chi lo difende, bravo!”

01112015

31 Commenti

    • Da quando le risulta che sia lo stato italiano a pagare lo stipendio al sindaco? Lo stato italiano semmai depreda le risorse comunali, prelevando il 38% del gettito IMU che lei (con o senza fascia tricolore) crede ingenuamente di versare al suo comune. Bella l’italia…

  1. Ma non avete niente di meglio da pubblicare? Va bene che il vostro giornale è palesemente schierato a favore di questa amministrazione, ma arrivare a questo punto per difendere una scelta alquanto discutibile,che in città ha fatto storcere il naso a molti, è davvero dequalificante.

  2. Ma come è possibile affermare una cosa del genere…orgoglioso di appartenere alla grande famiglia della lega, ma la nostra cultura deve essere davvero così dimenticata, calpestata per cortesia smettiamola di dire stupidate e non dimentichiamo di essere ITALIANI!!!!

  3. Ho avuto il piacere di conoscere il padre; altro livello altra levatura!
    A questo signore basta poco per sentirsi orgoglioso.
    Rifiutando i simboli che rappresentano le Istituzioni non si rappresentano tutti i cittadini e, gratta gratta, forse nemmeno tutti quelli della grande famiglia leghista.
    Ne tanto meno si difendono – i cittadini – con fasce inni fazzoletti e distintivi bensì con azioni (provvedimenti) tendenti a migliorare i servizi, rendendo meno gravose ed inique almeno le imposte locali.
    Quindi il signor Monti continui ad interessarsi dei fatti di casa sua visto che noi Saronnesi non siamo, di lui, ne conoscenti ne tanto meno parenti.

    • Caro Luciano, ti pregherei di non citare Cesarino Monti per darti un tono, perché se davvero desiderassi citarlo dovresti sapere (come sanno tutti) che lui ha sempre rivendicato con orgoglio il fatto di non aver mai indossato la fascia tricolore. Siamo però d’accordo. mi sembra di capire, nel sostenere che non è con fasce, fascette o drappi vari (tricolore compresi) che si difendono i cittadini, ma piuttosto con azioni e fatti concreti. Questo è il concetto che IO ho espresso nella MIA bacheca personale di Facebook. Evidentemente non lo ha letto o non lo hai compreso. Eppure era in italiano 🙂

      Andrea Monti

  4. Grande Sindaco! Siamo con lei!
    Evvila la reppubblica della libera padania…libera dai terun e dagli immigrati

  5. Bisognerebbe chiedere ai saronnesi e non al signor Monti,forse la maggioranza effettiva non la pensa allo stesso modo.

  6. Che Fagioli faccia la scelta di non far suonare l’inno di Mameli potrei anche capirlo ma che lo faccia anche Fratelli d’Italia che ha nel suo DNA la Patria e tutto ciò che la rappresenta, è una stortura . ..Gabriele d’Annunzio si starà rivoltando nella tomba!!! I due rappresentanti di F.lli D’Italia dovrebbero dimettersi…ma non lo faranno perché la cadrega non si lascia!!

  7. dopo aver pubblicato un articolo di questo tipo credo sia difficile censurare le resposte……

  8. Monti pensi per il suo di paese, disastrosamente guidato dai suoi compari di merenda. lo stipendio dei fagioli lo paga lo stato italiano e non il salvini, vergognatevi tutti quanti

    • Lazzate, “disastrosamente” amministrato da 22 anni dalla Lega Nord! Ti aspetto per offrirti un caffè e illustrarti i risultati di una buona amministrazione leghista, nonostante lo stato italiano ci rubi ogni anno risorse nostre! Capisco perché non hai il coraggio di firmarti… a dir tali coglionerie bisogna per forza rimanere anonimi! ahahaha

  9. Cavolate simili non meritano commenti. Sono certo che la stragrande maggioranza dei saronnesi è ancora italianissima e come tale desidera di essere rappresentata.

    • Io son d’accordo con quanto citato nell’articolo. Perché dovrei definirmi italiana? Lo Stato attuale si ricorda dei suoi cittadini? Perché dovrei essere rappresentata dallo schifo che abbiamo al governo? Il caro amico Renzi si ricorda dei suoi cittadini?

  10. Monti è riuscito a mettermi di buon umore: finalmente gli sparuti difensori del nostro sindaco leghista la smetteranno di arrampicarsi sui vetri. E intanto altra gente che lo ha votato si pente. Eccome se si pente.

  11. Il sig. Fagioli dimentica che in realtà rappresenta circa il 25/26% degli elettori saronnesi (hanno votato poco più del 50% e di questo 50% ha preso poco più della metà). I suoi comportamenti sono in dispregio di più del 70% dei cittadini, dei quali non tiene in nessun conto i principi, i valori, spesso i sacrifici delle generazioni che hanno vissuto la guerra e il durissimo periodo post bellico. Però resterà negli annali per aver estirpato la piaga dei venditori abusivi di rose e di libricini che nessuno comunque compra. Che squallore e pochezza amministrativa e politica.

    • non è neppure così, al primo turno ha preso il 27% (di chi si è recato a votare..): purtroppo è sbagliata la legge elettorale, che in cambio di una presunta stabilità produce queste storture

  12. Credo che Saronno e i saronnesi non meritino di sentire delle stupidaggini del genere.
    Piacerebbe davvero sapere quanta gente della nostra città è d’accordo con questi comportamenti.
    Tra l’altro la ragion leghista, per quanto assurda, non fa mettere la fascia tricolore e non fa suonare l’inno d’Italia, non si capisce perché impedisca il discorso, Cha sia un problema di spessore del Sindaco?

    • l’hai azzeccata, non è che il discorso non si tiene perchè non c’è inno, fascia e bandiera, ma esattamente il contrario: sta leggendo 1984, è alla retrocopertina.

  13. Finalmente Saronno ha un sindaco all’altezza dei suoi cittadini!

  14. AVANTI COSÌ SINDACO! SE I SINISTROIDI RODONO VUOL DIRE CHE STA FACENDO BENE! I SARONNESI (quelli veri,con le palle) SONO CON LEI

Comments are closed.