SARONNO – Neppure il tempo di respirare per la Imo Robur Saronno impegnata nelle semifinali playoff di serie C Gold: dopo l’inatteso passo falso casalingo di sabato scorso, mercoledì sera va in scena gara 2 contro Lierna, sul campo dei lecchesi.

imorobursaronno-olympia voghera 22.14 (13)

L’allenatore saronnese, Paolo Piazza, fa il punto:”In gara 1 noi abbiamo sbagliato completamente, soprattutto l’approccio al primo quarto, quando non siamo stati capaci di limitare i rimbalzi in attacco di Lierna e quando non siamo stati capaci di limitare l’apporto dei tiratori. Erano i nostri temi difensivi e non siamo riusciti ad eseguirli. In attacco non siamo stati lucidi come avremmo dovuto e nel secondo tempo siamo anche stati stupidi a farci innervosire da un arbitro, concentrandoci più sul capire cosa stesse fischiando lui, rispetto che su quanto stesse facendo Lierna. Fuori casa sarà difficile ribaltare la serie, ma non vogliamo finire i nostri playoff con una partita così scialba. Se finora tutta la pressione era su di noi, ora anche i nostri avversari ne avranno un po’. Il nostro obbiettivo è chiaro: vogliamo tornare sabato prossimo a Saronno per gara 3″.

Sull’altro fronte parola all’allenatore lecchese Enrico Ferrari:”Non avevamo pressione e siamo riusciti ad imporci. Questa è la gara che volevamo fare. Saronno è molto brava ad aprire il campo, mentre noi abbiamo giocatori più statitici e di presenza e questa sera ha vinto la nostra caratteristica. Chiuderla subito a Lierna? Abbiamo il nostro stesso esempio del turno precedente con Pizzighettone, quando siamo stati capaci di ribaltarla vincendo fuori casa. Non abbiamo ancora fatto nulla. Saronno doveva vincere due gare per andare in finale, Saronno deve ancora vincere due gare per andare in finale. Noi abbiamo un piccolo vantaggio e giocheremo con la massima intensità per raggiungere l’obbiettivo”.

Ecco la cronaca completa ed il tabellino di gara 1.

Lierna ruba il fattore campo alla Imo Robur Basket Saronno e adesso, mercoledì, in gara 2, ha tutta l’occasione per chiudere subito una serie che si preannunciava come tosta, tostissima e per ora ha mantenuto tutte le premesse della vigilia. La Polisportiva lecchese arriva al PalaRonchi dopo un primo turno in cui ha ribaltato i favori del pronostico ed il fattore campo con Pizzighettone, andando a vincere gara 3 fuori casa, mentre Saronno si affaccia alle semifinali dopo aver buttato fuori Voghera altrettanto all’ultimo atto della serie, ma vincendo la gara decisiva tra le mura amiche. Da un lato la fisicità, l’abilità a rimbalzo e il tiro dalla distanza di Lierna, dall’altro la difesa, la tecnica e l’atipicità di Saronno. Ci sono tutti gli ingredienti perché ne esca una serie da sogno per gli appassionati, anche se ci si aspetta una serie rude, fondata sulla difesa ad ogni costo.

Il primo quarto però spiazza un po’ tutti. Letteralmente grandina al Palaronchi con Lierna che prova a scappare con quattro triple nelle primissime azioni e Saronno chiamata a rispondere con un efficacissimo pick’n’roll centrale e con due canestri di eleganza di Gurioli, saranno però anche gli unici della sua partita. Per Lierna si mette subito al lavoro Ballarate che chiude il quarto con 15 punti segnati e soprattutto tre bombe, dopo che nell’intera serie con Pizzighettone ne aveva segnate solamente due. Al 10′ è 25-30, Lierna domina a rimbalzo offensivo (7 nel primo parziale), ma l’attacco di Saronno regge. Poi improvvisamente gli attacchi si fermano ed entrano in gioco le difese. Lierna ne ha di più e vola a +9 al 14′. La Imo deve ricucire e lo fa di corsa, sull’asse Minoli-Cacciani. Gli assist del primo (11+7r+3a con 50% dal campo) lanciano i canestri del secondo (16 con 4 triple) e la Robur firma un parziale di 15-2 (fino al 44-40 del 19′) che sembra girare completamente l’inerzia della gara. Nel finale però i liberi di Iurato e Carpani rimettono in sostanziale parità il match. Si entra nella ripresa con due punti di vantaggio per Lierna sul 44-46. Gli attacchi sono letteralmente impiantati: i lecchesi dopo i due di Iurato in apertura non segnano più per cinque minuti, mentre Saronno ha netta difficoltà ad eseguire. Fioccano anche un paio di tecnici per le proteste di Cacciani e Leva che però non vengono sfruttati da Ballarate. Lierna più in generale va spesso in lunetta e se non trova la fuga giusta è solo per l’imprecisione di Danelutti (partita monstre da 22+14 e 6/10 ai liberi) e Bergna, mentre Saronno rimane agganciata al match con i 6 in fila firmati da Furlanetto (10 alla fine con 3/5). All’ultimo intervallo il punteggio è 54-58. Prima azione, bomba dello stesso ex giocatore di Voghera e -1, ma è anche l’ultimo sussulto della Imo. Risponde immediatamente Iurato (19+9 con 6/16 e 5/6 ai liberi) con la bomba di tabella. Poi Carpani e Danelutti firmano il +9 sul 57-66 del 35′ dal quale la Robur non riesce a rialzarsi nemmeno nel finale, quando Lierna è precisa dai liberi. Doveva essere una serie durissima e così è stata in Gara1. Per passare il turno di semifinale Saronno dovrà ribaltare a sua volta il fattore campo, vincendo prima di ogni cosa in Gara2, mercoledì a Lierna.

Imo Robur Saronno-Polisportiva Lierna 63-72 (25-30 19-16 10-12 9-14)
IMO ROBUR SARONNO: Minoli 11, Cacciani 16, Leva 3, Guffanti 6, Petrosino 8, Bellotti 3, Lanzani 2, Gorla n.e., Gurioli 4, Aceti n.e., Furlanetto 10. Coach Piazza.
LIERNA: Bergna 3, Ballarate 15, Pedalà 2, Villa 7, Danelutti 22, Carpani 4, Molteni n.e., Marrazzo n.e., Garota n.e., Castoldi, Iurato 19, Fiorendi n.e. Coach Ferrari.

24052016

1 commento

Comments are closed.