SARONNO – Dopo l’interpellanza del Movimento 5 stelle, Regione Lombardia si prepara alla controffensiva per rendere più sicura la linea Saronno-Seregno, usata dai pusher per raggiungere i luoghi di spaccio nel Parco Groane e dove i viaggiatori sono stati tante volte bersagliati con furti, aggressioni e rapine. In arrivo ci sono le guardie armate, che saranno presenti sui convogli e nelle stazioni, estendendo così un progetto che già riguarda altre linee lombarde e coordinato proprio dall’ente regionale.

saronno vedetta lombarda (2)

L’assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Sorte, ha ammesso l’esistenza del problema, informando che la Regione Lombardia ha chiesto al governo il potenziamento delle forze dell’ordine, senza ricevere risposta – ricordano i 5 stelle – Sorte ha inoltre descritto il progetto della Regione relativo alle guardie armate sui convogli, da tre milioni di euro nello scorso bilancio, ma ha anche sostenuto che è impensabile che questo tipo di servizio risolva tutte le criticità o copra tutte le linee, in quanto il costo del biglietto crescerebbe enormemente. C’è l’impegno di utilizzare questi uomini anche sulla linea S9″.

14092016

12 Commenti

  1. cittadini pensate a che punto siamo arrivati alle guardie armate… ma apposto di mettere le guardie armate e ripesare la spesa sui contribuenti oltre a quella dell immigrazione se cosi si puo chiamare per risolvere il problema non era meglio rimandarli tutti a casa loro visto che noi ne abbiamo gia dei nostri non ci servono pure i loro.o se no farli venire ad una condizione loro lavorano al posto dei cittadini italiani e i cittadini italiani sono in pensione fin dalla nascita questa e accoglienza propositiva 200euro al mese per loro e noi in pensione da subito se non accetti fuori torna a casa tua.

  2. Se il governo non risponde alle esigenze di sicurezza cacciamoli via VOTANDO NO al referendum.

    • Se si continua a votare NO le cose non cambieranno mai. Il referendum poi non è un’elezione.

      • Non é che le cose cambieranno in meglio votando si. E col referendum si può fare capire che l’attuale governo non ha più il nostro consenso

  3. Ma non mi è chiaro quali siano i limiti al potere di intervento loro affidato: possono utilizzare l’arma compiere arresti o semplicemente cercare di far pagare il biglietto?

  4. Sono un Runner.. Venerdì pomeriggio mi sono trovato a percorrere la stradina che attraversa le groane da Ceriano Laghetto a Solaro e proprio pochi metri al di fuori della stazione di Ceriano L. dalla boscaglia è saltato fuori uno spacciatore con una scimitarra lunga quanto in braccio… Fortunatamente vedendo che si trattava solo di un povero corridore è riscomparso tra la boscaglia; ma mi chiedo è possibile che le poche oasi di verde e pace che abbiamo sottratto a cemetificazione e sfruttamento siano irreparabilmente terra di spaccio e delinquenti? Possibile che ente territoriale, carabinieri (magari il nucleo a cavallo) e tutte le altre forze dell’ordine non possano garantire sicurezza a tutti? Possibile che si debba portare i figli a saltare sui gonfiabili invece che in mezzo alla natura per stare tranquilli? Non chiedo di pagare meno tasse ma di poter vivere in uno stato civile, dove la legalità possa essere fatta rispettare, a tutti. Chiedo troppo?

  5. Parlo a region veduta visto che uso la linea tutti i giorni per andare al lavoro a Monza. Vero è che ci sono tanti stranieri che non pagano il biglietto e sono uno che sostiente che i migranti economici vanno reimpatriati senza se e senza ma.Però non sono solo loro che non pagano il biglietto, anche una buona metà degli studenti non paga e anche molti adulti. Per quanto riguarda la sicurezza il problema più grosso sono i tossici, i pankabestia e tutti i loro simili. Ormai noi pendolari li conosciamo bene sono sempre gli stessi e bazzicano in tutte le ore tra Monza e Saronno.Ben vengano le guardie e i controlli altrimenti si rischia di affossare una linea che ha enormi potenzialità appena FNM migliorerà la rete col binario di precedenza tra Baruccana e Seregno regolarizzando il servizio e annullando i ritardi. Poi tocca anche trenord fare la sua parte togliendo dalla circolazione le piano ribassato che stanno tirando le cuoia.

  6. certificazione del “vuoto” assoluto del Governo e dello Stato, certificazione di una sconfitta totale!
    è l’Itaglia che riparte…secondo qualcuno.

  7. si, ma usatele le armi senza preoccuparsi delle conseguenze.
    Se il problema deve emergere, fatelo emergere nella sua totalità!

  8. ricollegandomi a quanto detto da Lorenzo e da altri commentatori, condividendo a pieno la loro opinione dico, senza troppi giri di parole: Signori, non siamo più liberi di circolare sul “nostro” territorio, nella “nostra” patria nelle “nostre” città, stazioni, treni etc….

    in altre epoche, neanche tanto lontane, queste “B-risorse” si sarebbe chiamati INVASORI! Le forze dell’ordine, le istituzioni comunali lo capite o no che hanno le mani legate da quello schifo di leggi attualmente in vigore che tutelano esclusivamente i delinquenti a scapito degli onesti????
    ma cosa aspettiamo a ribellarci tutti? quanti soprusi ancora? quante vittime? quanti anni ancora a subire dinnanzi a costoro? basta lamenti,è ora di passare alle vie di fatto!

Comments are closed.