SARONNO – Un riconoscimento agli agenti con 16 e 25 anni di servizio e un momento di preghiera alla parrocchia della Sacra Famiglia: così il comando di polizia locale di Saronno ha festeggiato il patrono San Sebastiano.

Ieri sera alle 18 don Alberto Corti, dopo una breve introduzione del prevosto monsignor Armando Cattaneo, ha celebrato la messa nella chiesa del quartiere Prealpi. “Avere un santo come San Sebastiano vi richiede impegno ed equilibro lo stesso che mettete tutti i giorni nella vostra attività quando fate rispettare le legge e le regole ma senza mai dimenticare l’umanità delle persone. E con quei valori, che sono della fede cristiana ma anche del vostro ruolo che vi aiutano a superare le difficoltà”. All’offertorio a portare all’altare due candele con i genitori anche Pietro e Gabriele i due neonati figli di agenti.

Al termine della messa, a cui hanno partecipato le autorità cittadine, le associazioni d’arma e i delegati i diversi sodalizi che operano in città, c’è stata la premiazione degli agenti che hanno superato il traguardo dei 25 anni di servizio (Luca Magni, Angelo Gasparri, Roberto Beretta e Pietro Gallace) e quelli che hanno superato i 16 anni (Antonio Borgo, Claudio Borsani, Marco Calta, Angelo Roma, Matteo Piuri).

Alla cerimonia ha partecipato anche il capitano della compagnia dei carabinieri Pietro Laghezza, il sindaco Alessandro Fagioli, il presidente del consiglio comunale Raffaele Fagioli, l’assessore Francesco Banfi e diversi consiglieri comunali.

In un breve discorso il sindaco ha ricordato gli ottimi risultati ottenuti dalla polizia locale “i dati raccontano un incremento del controllo del territorio ma anche del sequestro di droga e di tutte quelle attività che il comando porta avanti da quella sanzionatoria, al controllo della viabilità senza dimenticare tutte le pratiche d’ufficio che necessitano di essere realizzate.

21012017

4 Commenti

  1. come no….i dati raccontano cosa???? chiedetelo a chi torna da Milano la sera tardi o al mio vicino cui hanno rubato prima i cerchi in lega e un’altra volta l’autoradio….

  2. Certo certo. Sarebbe bello e utile che si facesse un giro per Saronno per farsi un’idea della pessima sutuazione. Invece lei sta bello seduto in comune come niente fosse. Sottolineo il ridicolo spreco di denaro per i due vigilantes!!!A cosa servono?
    Visto che più che chicchierare tra di loro e guardare le vetrine nn fanno!!!!!
    Sindaco faccia il serio e inizi a lavorare per il bene di Saronno.

    • Daccordissimo.
      Se il sindaco e assessori vari si facessero un bel giro turistico di saronno potrebbero constatare come saronno è invasa da extra, come è sporca, quante buche ci sono, quanti negozi nn espongono i prezzi ecc ecc. Visto il lauto stipendio che percepiscono dovrebbero almeno guadagnarselo senza proclami ma con i fatti.
      Ci siamo rotti di gente incompetente.
      Sia di dx che di sx.

  3. certo. gli spacciatori ci sono e fanno il comodo loro. i telos hanno l immunità a vita nonostante quello che combinano . i vigili fanno multe per il bilancio.
    ma le nuove disposizioni del ministro Minniti non dicono che chi é irregolare debba essere portato in un centro per essere espulso? non mi pare che questi che circolano intorno alla stazione siano in possesso di un regolare permesso di soggiorno……

Comments are closed.