SOLARO – “L’azienda sta valutando l’opportunità di un trasferimento temporaneo di alcuni lavoratori dallo stabilimento di Solaro per far fronte a un’esigenza puntuale ed eccezionale relativa ad un prodotto specifico dello stabilimento di Susegana, in provincia di Treviso (350km da Solaro), in applicazione degli accordi sottoscritti con il sindacato proprio sui trasferimenti tra realtà del Gruppo, utili anche ad alleggerire il ricorso ai contratti di solidarietà. Le dichiarazioni continue relative alla carenza strutturale di organico dello stabilimento di Susegana sono prive di fondamento, visto che per almeno sei mesi all’anno nello stabilimento si lavora a un regime di orario ridotto di 6 ore”. Con questo comunicato il Country Director di Electrolux Italia Marco Mondini chiarisce la posizione dell’azienda sulle voci circolate nelle ultime ore. La sostanza è che per un periodo temporaneo, viene chiesto uno spostamento su base volontaria di una trentina di operai per un mese. Il trasferimento temporaneo porterà a vari benefit (auto a disposizione ogni 5 lavoratori, sostegno a costi e pagamento delle ore di viaggio, indennità, pasti e stanze d’albergo), con un possibile incremento di circa 300 euro in più in busta paga. La situazione produttiva però rimane sempre critica per lo stabilimento di Solaro, tuttora in solidarietà con giornate di lavoro ridotte a sei ore, visto che per il 2017 sono programmate almeno 49 giornate di chiusura collettiva. Giornate che però potrebbero essere ridotte grazie a questa mobilità sui generis.

06020217