SARONNO – I “baschi verdi” del Gruppo di Malpensa, con l’ausilio di unità cinofile hanno passato al setaccio lo scalo ferroviario di piazza Cadorna. Il controllo è stato realizzato nella serata di martedì quando è stato arrestato un 28enne tunisino.

Alla vista dei finanzieri lo straniero si è disfatto velocemente di un sacchetto che aveva con sè. L’operazione non è sfuggita ai tutori dell’ordine che hanno bloccato il 28enne tunisino e hanno recuperato l’involucro scoprendo che conteneva 50 grammi di hashish.

Perquisendolo le Fiamme Gialle hanno trovato un’arma da taglio e 300 euro in contanti provento dell’attività di spaccio. Lo straniero era un volto noto alla legge e a suo carico era stato emesso un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Prefetto della Provincia di Como (e per il quale risultava essere stato proposto ricorso, in quanto nel frattempo il cittadino tunisino si era unito in matrimonio con una cittadina italiana).

I finanzieri, terminate la pratiche di identificazione, hanno arrestato lo straniero e posto sotto sequestro la sostanza stupefacente, il denaro e l’arma da taglio.

L’operazione di controllo realizzata in stazione si inserisce nel più ampio dispositivo di controllo del territorio realizzato dalla Guardia di Finanza, per contrastare ogni forma di traffici illeciti e garantire sicurezza ai cittadini.

25102017

7 Commenti

  1. vogliamo esprimere un giudizio sulla connazionale che si è prestata – per amore? – a tale unione…

  2. Ma non è possibile questa è una persecuzione, impossibile che sono sempre loro i birbanti, sono venuti qua per aiutarci a pagare le nostre pensioni….impossibile qui c’è qualcosa di poco chiaro!

  3. si ma a acquistare sta roba sono Italianissimi… basta passare la mattina pomeriggio o sera alla fermata dell’autobus piazza chiesa S.Francesco per odorare strani afrori nell’aria… giovanissimi che dovrebbero essere più tutelati con maggiori controlli…

Comments are closed.