GERENZANO – Sì all’area cani, ma a patto che ci sia una associazione o un gruppo di volontari disposti a prendersene cura. Lo sottolinea, in una nota, la lista civica di maggioranza, Insieme e libertà per Gerenzano.

“Nell’ultima seduta consiliare, tra i diversi argomenti di bilancio è stato affrontato anche il tema relativo alla realizzazione dell’area cani. Il nostro gruppo ritiene utile ribadire la propria posizione sull’argomento, che coincide con quanto relazionato in consiglio comunale dall’assessore Pierangelo Borghi, al fine di evitare fraintendimenti anche tra coloro che hanno proposto una raccolta firme e a quanti l’hanno sottoscritta” viene rilevato da Insieme e libertà. Proseguono dalla lista civica: “Apprezziamo l’impegno nella raccolta delle firme per promuovere la realizzazione dell’area cani e confermiamo la disponibilità delle somme destinate alla sua realizzazione, 15 mila euro. Tuttavia auspichiamo che tra i promotori o i sottoscrittori possa nascere un’associazione o una proposta di collaborazione con associazioni già operative nel circondario per la gestione, assicurazione, custodia e manutenzione dell’impianto. L’individuazione di un gestore è la sola condizione perché questo spazio attrezzato diventi realtà. Il Comune non può assumersi la gestione di un impianto del genere perché privo delle risorse umane necessarie. A conferma della nostra posizione basta guardarsi intorno. Un esempio attuale è la chiusura temporanea dell’area cani nel vicino comune di Cislago per la mancanza di un gestore o l’assenza di volontari nel vicino comune di Uboldo per prendersi in carico la gestione dell’area cani. Facile strumentalizzare politicamente la vicenda ma “gettare il sasso e nascondere la mano” non serve a nessuno”.

(foto archivio)

21032019