MILANO – “Oggi il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato la mozione del Gruppo Lega-Lega Lombarda Salvini in Regione Lombardia in cui condanniamo la decisione inaudita di incarcerare i prigionieri politici catalani. Sono accusati di ribellione, ma sono in carcere senza mai aver torto un capello, incatenati per la loro voglia di libertà. Non si mette in galera un’idea, non si soffoca la libertà. In Regione Lombardia su questo non abbiamo dubbi”. Lo sottolinea il lazzatese Andrea Monti, consigliere regionale della Lega.

Il Partito democratico, che di democratico ormai ha solo il nome, ha votato naturalmente contro, timoroso di condannare l’operato di Madrid. Una menzione speciale al consigliere Carretta che ha addirittura chiesto il voto segreto, credendo di affossare la mozione. Naturalmente gli è andata male. Oggi il manganello non ha vinto” conclude il consigliere regionale leghista Monti.

(foto: una manifestazione a Lazzate con l’intervento di Andrea Monti per l’autodeterminazione della Catalogna)

15102019

8 Commenti

  1. chi conosce la storia della Spagna sa che le divisioni sono antiche
    oggi forse sono un po più legate alla economia i ricchi,l’industria….
    ma in mondo globalizzato magari non è facile … essere divisi
    … in ogni caso
    eh si i “catalan” mica mettono “lega per l’indipendenza per…..” sulle bandiere o sui manifesti
    e poi stanno li sulle loro poltroncine e aspettano
    chissà se mentre scriveva il suo sostegno a parole lei si è sentito un pò “piccolo”

    e i curdi ?

    • Nella stessa seduta, giusto per smorzare subito la pretestuosa polemica, abbiamo votato all’unanimità proprio una mozione a favore dei curdi.
      Per il resto i Catalani partecipano a tutte le elezioni e siedono proprio su quelle che lei chiama “poltroncine”. Non mi sentivo nè grande nè piccolo quando ho presentato la mozione, ho pensato di fare una cosa giusta.

  2. Vi siete espressi così anche contro i decreti sicurezza del vostro segretario?la legge è fatta per colpire chi osa ribellarsi e voi siete complici di questo stato.

Comments are closed.