Home Città Matteo Romanò diventa soccorritore “mondiale”: primo al test in Croazia

Matteo Romanò diventa soccorritore “mondiale”: primo al test in Croazia

270
0

ZAGABRIA – Missione compiuta per Matteo Romanó e il suo pastore belga malinois Dinamite, al Mission ready test della Iro (organizzazione internazionale per i cani da soccorso) tenutosi a Zagabria in Croazia nel week end appena passato. Il binomio saronnese ha ottenuto la qualifica in quello che è globalmente riconosciuto come l’esame mondiale più difficile per cani da soccorso.

L’esame della durata di 36 ore in totale autonomia di sussistenza che si svolge una volta l’anno in Europa e una volta l’anno in terra asiatica si compone di 7 prove di ricerca dispersi e di alcuni test di valutazione delle conoscenze veterinarie, normative Insarag, e prove fisiche. La prova ha visto il binomio effettuare due ricerche notturne nella prima notte,due ricerche in diurna il sabato dopo una lunga attesa di 9 ore studiata per testare la tenuta mentale del conduttore e tre prove di ricerca in 1 ora e mezza dopo una marcia di avvicinamento allo scenario di ricerca la domenica. Matteo e Dina, seppur i più giovani presenti alla prova, hanno ottenuto il migliore risultato, con punteggi altissimi in tutte le prove. Sono stati gli unici a trovare tutti i dispersi in tutti gli scenari di ricerca.

Le valutazioni effettuate da esperti della cinofilia da soccorso mondiale, veterinari specializzati e tecnici specialistici nell’Usar (Urban search and rescue), definiti classifiers, hanno permesso a Matteo e Dinamite di entrare nell’elenco dei Mission ready dell Iro, che in caso di calamità a livello globale possono essere attivati in caso di necessità. In tutti il mondo sono solo circa 40 i binomi ad aver ottenuto questo tipo di certificazione. Il saronnese si dice soddisfatto del lavoro svolto da lui e dal suo cane Dinamite: ”Abbiamo avuto la possibilità di far vedere quello di cui siamo capaci mettendo in mostra tutte le nostre capacità ottenendo quello che per ogni cinofilo da soccorso dovrebbe essere il massimo obbiettivo da raggiungere per potersi definire universalmente pronto”.

28102019