MILANO – “Giornata positiva da tanti punti di vista, a Malpensa aereo con 53 fra medici e infermieri da Cuba; si trasferiranno all’ospedale di Crema per gestire ospedale da campo allestito da Esercito e sarà un grande sollievo. Personale russo in arrivo, già individuato a ospedale di Sondalo dove collocare questo gruppo, perchè lì c’è una terapia intensiva che può arrivare a 16 posti ed ampliare l’area di degenza“. Come tutti i giorni l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, ha fatto il punto della situazione con una diretta Facebook da Palazzo Lombardia di Milano, dopo il sopralluogo in Fiera (foto) dove sta sorgendo il nuovo grande ospedale per la terapia intensiva.

I numeri: “In chiaro scuro, hanno una evoluzione non sempre omogenea ma serve un arco temporale più ampio – ha precisato Gallera – In tutto i contagiati in Lombardia sono stati 27206, +1691 da ieri quando avevamo avuto un incremento di +3200; il numero delle persone ricoverate però cresce, arrivati a 9439, +1181. In terapia intensiva 1142, +49 e si è arrivati a 1300 posti letto disponibili. I 9439 ricoverati in generale in ospedale ma al contempo sono 5800 le persone nel frattempo guarite. E’ una malattia che si diffonde velocemente ma quando siamo in grado di dare cpap, respiratori, terapia intensiva siamo in grado salvare la vita delle persone”.

I deceduti sono stati in tutto, in Lombardia 3456, +361 (ieri 546)

Nelle province, ha ricordato Gallera, “si è registrata una riduzione significativa rispetto a ieri, con numeri di Bergamo dimezzati, in forte calo Brescia ed anche Milano dove ieri si era registrata una crescita notevole, da +868 di ieri a +424 di oggi; incrociamo le dita. E’ però da martedì che potremo verificare se le misure di contenimento attuate hanno avuto successo”.

22032020

Comments are closed.