SARONNO – E’ Chiara Angaroni, membro del direttivo del Pd e presidente della commissione Cultura a rispondere oggi alle domande di “Come va Saronno?” il momento di riflessione e analisi lanciato da ilSaronno nel periodo estivo per fare il punto della situazione degli ultimi mesi in città e delle priorità per la ripartenza.

Ecco le risposte:

Due cose per cui Saronno merita un plauso in questo 2022 e due cose per cui la rimanderesti a settembre

Credo che un plauso vada fatto per la realizzazione del nuovo sportello contro le fragilità da Covid. Con questo intervento si risponde a vecchie e, soprattutto, nuove povertà con strumenti nuovi. La Saronno Amica del programma elettorale continua a divenire realtà.
Saronno merita un applauso per essersi aggiudicata il bando di 7 milioni di euro per la nuova scuola Rodari con un progetto giudicato il quarto migliore in ambito regionale.
Sicuramente un altro plauso va al progetto di riqualificazione dell’area ex Isotta Fraschini. Riuscire a portare Brera a Saronno è una sfida importante e sicuramente rappresentata “un treno” da non perdere. Rimanderei a settembre la riqualificazione dei marciapiedi, tanti lavori sono iniziati ma ci sono tante vie con marciapiedi dissestati su cui è difficoltoso camminare. Penso agli anziani, alle mamme con i passeggini e ai portatori di handicap e alla difficoltà di poter transitare con il rischio di farsi male.

Viabilità e mobilità: sono da sempre temi cruciali per Saronno. Negli ultimi mesi si sono aperti capitoli cruciali come la nuova Ztl, il ritorno del 30 all’ora, la sicurezza e la collaborazione coi comuni limitrofi. Come vedi la situazione?
Non voglio spendere troppe parole su questa questione perché credo che la riduzione delle auto in centro risponda ad una esigenza ecologica. Si vuole incoraggiare la mobilità sostenibile incentivando l’uso delle biciclette. L’obiettivo è la riduzione delle emissioni di CO2, di PM10 e PM2,5.

Eventi, commercio e sicurezza: hanno scaldato più volte, nel corso dell’anno, il dibattito cittadino. Cosa serve alla città?

Il dibattito sugli eventi culturali a Saronno è stato, come dire, acceso. Questo tema mi sta a cuore sia come presidente della Commissione Cultura che come individuo. Con rammarico noto che si punti continuamente il dito sull’estivo non considerando il panorama culturale proposto nel corso di tutto l’anno e non spendendo parola alcuna sulla varietà che lo ha caratterizzato. Credo fermamente che l’assessore Succi e l’ufficio cultura abbiano proposto una varietà di appuntamenti che hanno spaziato in diversi ambiti: musica, cinema, mostre d’arte e di fotografia, filosofia e poesia. Essendo, tra l’altro, in poche persone, hanno fatto un ottimo lavoro. Saronno, ad aprile, ha inaugurato il primo Festival di poesia della città ricamando la città di poesia: sulle vetrine dei negozi, per le vie della città. Abbiamo reso in questo modo la Poesia accessibile a tutti facendola uscire da una sorta di nicchia. In questo progetto ho creduto fermamente insieme ad altre donne appassionate di Poesia. Il Festival ha vantato anche la conferenza di poeti importanti come Vivian Lamarque. Basti solo pensare che durante questa settimana abbiamo calcolato un passaggio di mille persone circa, saronnesi e non, facendo diventare Saronno a tutti gli effetti una “Citta’ della Poesia”. Prendo spunto dalle vetrofanie dei negozi per dedicare alcune parole al rapporto della Amministrazione con i commercianti. Credo che se da entrambe le parti c’è la volontà di costruire insieme qualcosa di bello per la città, insieme lo si può fare. La sicurezza è un altro tema dibattuto, la criminalità, purtroppo, esiste e non è semplice debellarla completamente. L’ Amministrazione si sta prodigando ed impegnando per migliorare la sicurezza in città.

Novità di questo 2022 la riduzione della coalizione che guida la città con una maggioranza risicata in consiglio comunale tanto da essere ridotta ad un voto. Come vedi il futuro dell’Amministrazione Airoldi?
Credo sia stata trovata una maggiore compattezza. Una maggioranza composta da personalità diverse che insieme possono apportare contributi importanti grazie al bagaglio personale di competenza ed esperienza. Sicuramente il confronto è fondamentale perché possono scaturire proposte importanti per il bene della città.

Quali dovrebbero essere le priorità dell’agenda cittadina a settembre?
Come detto in risposta alla prima domanda, è importante dare priorità alla riqualificazione dell’area ex lsotta Fraschini e al progetto di Brera. È davvero un qualcosa da non perdere, importante per la nostra città ed i paesi limitrofi. Saronno può diventare un punto di riferimento per il circondario ed essere sconfinata.

Le domande sono rivolte a tutte le forze politiche presenti in città, a partire da quelle che siedono in consiglio comunale. Potranno rispondere davvero tutti: capigruppo, segretari, consiglieri, ex e interessati alla politica saronnese. Le risposte verranno pubblicate su ilSaronno. (le trovate qui)


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram de ilSaronno.
Per Whatsapp aggiungere il numero + 39 3202734048 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”
Per Telegram cercare il canale @ilsaronnobn o cliccare su https://t.me/ilsaronnobn

11 Commenti

  1. Risposte ponderate completate dalla citazione di quanto è stato realizzato finora per Saronno con il lavoro concreto degli uffici comunali, sebbene in carenza organica ma in sinergia con questa Amministrazione.

    • Si si vabbeh dai!
      Si sono dimenticati dei temi su cui i cittadini hanno necessità: sicurezza e degrado.
      Temi nemmeno presi in considerazione perché ritenuti banalmente “percepiti”, anche se la realtà è ben altra.

    • Nelle domande non è citata la Amministrazione. La domanda è di carattere generale. La risposta è quindi congrua. Legga bene Signor/a Anonimo.

    • Legga bene le domande Signor Anonimo. Non è citata la Amministrazione. Le domande sono di carattere generale.

    • Buongiorno, la domanda è generale e non relativa alla Amministrazione. Legga meglio.

  2. Il progetto Rodari? Peccato che le altre scuole di Saronno siano lasciate al degrado con giardini non praticabili dai bambini e strutture interne alquanto mal ridotte.

  3. La cultura che lei rappresenta non ha portato i risultati promessi in campagna elettorale, un festival della poesia non può salvare la stagione , la stagione è insufficiente

Comments are closed.