SARONNO – “Per prima cosa lasciatemi dire che mi stupisce che questa polemica scoppi solo ora dato che la vicenda risale al marzo 2012”. E’ molto calmo il sindaco Luciano Porro quando risponde alle durissime critiche arrivate alla sua Amministrazione da Ascom Saronno e Confesercenti per l’aumento della Tosap, tassa sull’occupazione di suolo pubblico, del 30 per cento.

“E’ doveroso un mea culpa – continua poi il primo cittadino – ci siamo accorti che per un errore non sono stati coinvolti i commercianti. E’ stata sicuramente una mancanza dell’Amministrazione che faremo il possibile per non ripetere. Credo molto alla cooperazione, al confronto e al coinvolgimento delle associazioni di categoria e finora è stato così su molti temi, dalle iniziative ai parcheggi, e vogliamo continuare su questa strada”.

“Per quanto riguarda poi le critiche dei commercianti che parlano di azione vessatoria e di salasso non c’è molto da dire. E’ il loro punto di vista. Da sempre che si trova a fare i conti con un aumento le persone coinvolte lamentano questo vissuto. Quello che posso dire come sindaco e come esponente di questa Amministrazione è ribadire che non c’è stata nessuna volontà di vessare una categoria molto importante per la vita della città”

05022013

1 commento

  1. Vista la provata incapacità di questa amministrazione, ci sarebbe solo una cosa da fare: dimettersi. Le parole del sindaco sono di una gravità incredibile! Ma con che faccia questa gente entrerà ancora in un negozio? Ma che vergogna, non sa neppure cosa sta dicendo per giustificare un atto insensato. Povera Saronno!

Comments are closed.