antonio renoldiSARONNO – “Prima di creare un polo commerciale nell’ex Lazzaroni, valutiamo bene le ricadute sulla viabilità e sul piccolo commercio”: è questo il monito lanciato da Ascom a Saronno all’indomani del botta e risposta tra il primo cittadino di Saronno Luciano Porro e il sindaco di Uboldo Lorenzo Guzzetti sul futuro dell’ex sede del biscottificio situata proprio al confine tra i due comuni.

Ecco la versione integrale della nota inviata dall’associazione saronnese.

La scelta dell’Amministrazione Comunale di Uboldo di individuare un’area con destinazione commerciale nella zona della ex Lazzaroni, posta proprio al confine tra il territorio di Uboldo e di Saronno, potrebbe essere una scelta che porterà gravi conseguenze sia sul piano commerciale che sul piano viabilistico, tuttavia scelte oculate potrebbero avere differenti risvolti sociali ed economici.

 “Lo sviluppo territoriale che avviene attraverso una trasformazione urbanistica in quella zona, deve essere attentamente valutato onde evitare che tale decisione comporti un immediato impoverimento del patrimonio economico nonché del territorio circostante. Mi riferisco al piccolo commercio di vicinato di Uboldo ma anche di Saronno che deve necessariamente essere tutelato e tenuto in forte considerazione – sottolinea Antonio Renoldi, Presidente di Confcommercio Ascom Saronno – Come evidenziato dal Sindaco di Saronno, l’impatto sulla viabilità sarebbe drammatico. Ad oggi, la zona è già congestionata dal traffico e l’apertura di un polo commerciale potrebbe portare alla saturazione totale della viabilità. Ben accette sarebbero soluzioni viabilistiche, che sicuramente sono contemplate e studiate nella PGT di Uboldo. Ritengo che Conferenze di Scoping, a cui sicuramente parteciperemo, faranno chiarezza su questo importante problema”.

 “Riteniamo, tuttavia, che il problema del recupero delle aree dismesse sia da affrontare” commenta Fabrizio Rosio, Vicepresidente di Confcommercio Ascom Saronno “Perché lo sviluppo socio-economico del nostro territorio dipende anche da questo”.

 Confcommercio Ascom Saronno sta valutando attentamente il Pgt di Uboldo con particolare attenzione agli strumenti attuativi previsti ed alle valutazioni d’impatto operate, e si pone in prima linea per analizzare i risvolti economici e sociali di questo Pgt. Successivamente elaborerà una serie di considerazioni da sottoporre all’Amministrazione Comunale di Uboldo durante le Conferenze di Scoping in calendario.

 “Auspichiamo che l’Amministrazione guidata dal primo cittadino Lorenzo Guzzetti – conclude Michele Bernardi, fiduciario di Confcommercio Ascom Saronno per il Comune di Uboldo – tenga in considerazione il valore sociale ed economico apportato quotidianamente dai suoi piccoli e medi esercenti del territorio che da sempre hanno arricchito questo Comune. Ben vengano proposte per rivitalizzare le dinamiche del lavoro, così da creare maggiore occupazione. Tuttavia queste non devono in alcun modo danneggiare gli esercenti che da anni si sono sempre impegnati nel tessere un capillare tessuto commerciale”

20122013

1 commento

Comments are closed.