Gilli SARONNO – “Unione italiana continuerà a fare opposizione contro l’attuale asfittica ed inoperosa Amministrazione: senza bisogno di convocazioni da parte di chi vuole riunire il centrodestra saronnese non conoscerne la composizione in consiglio comunale”. Si può riassumere così la presa di posizione dell’ex sindaco Pierluigi Gilli, ora capogruppo di Ui, che “nota” l’assenza di Unione Italiana tra i partiti “alternativi alla sinistra” convocati da Luciano Silighini Garagnani per un incontro il prossimo 8 marzo.

Ecco l’intervento integrale dell’ex sindaco

Luciano Silighini Garagnani, in limine temporis approdato tra i “Fratelli d’Italia”, tramite annuncio sui giornali, organizza un incontro l’8 marzo 2013 dal suggestivo tema “Ricostruire il centrodestra a Saronno partendo dai punti in comune, non dalle divisioni”, all’uopo convocando “i responsabili locali dei partiti alternativi alla sinistra, che si riconoscono in una visione politica di centrodestra”, che elenca: “Fratelli d’Italia, PDL, Lega Nord, Mir e tutti gli altri gruppi non vicini al centrosinistra come Fare per fermare il declino”.

L’iperattivismo del neo-fratello d’Italia non ne migliora, evidentemente, la conoscenza di Saronno e della composizione del consiglio comunale, nel quale, all’opposizione ed in posizione contrapposta da centrodestra alla maggioranza di sinistra, siedono 6 consiglieri del PdL, 4 consiglieri della Lega Nord e 2 consiglieri di Unione Italiana.

Di ciò, invece, è ben consapevole la coordinatrice provinciale del PDL, che ha correttamente rilevato, nel panorama di centrodestra saronnese, come “dal PDL si è staccata Unione Italiana e altri esponenti del nostro partito sono entrati in Fare per fermare il declino e Fratelli d’Italia”; ciononostante, “la città resta di centrodestra, ma c’è bisogno di una riorganizzazione per un rilancio”.Ma la deputata europea Comi è saronnese e conosce la sua città, il suo consiglio comunale e le variegate ed anche distanti posizioni delle formazioni alternative alla sinistra dell’Amministrazione Porro.

Qualche improvvisato convocatore, invece, è afflitto o da non conoscenza o da selettiva, discriminante memoria: un inizio allarmante per chi vorrebbe – non si sa a quale titolo – proporsi ambiziosamente come riunificatore.
Unione Italiana – evidentemente ignota al neo-fratello d’Italia – continuerà la sua attività politica in Consiglio Comunale, insieme agli altri Gruppi Consiliari d’opposizione, non facendo mancare il proprio qualificato e competente contributo per offrire un’alternativa all’attuale asfittica ed inoperosa Amministrazione: senza bisogno di inviti o convocazioni, ma per dovere nei confronti dei suoi elettori.

1 commento

  1. Che coraggio ha questo gilli. “Questa è una amministrazione asfittica e inoperosa”, ma non si ricorda più come era la sua amministrazione? gli ultimi anni sempre a litigare tra di loro e prendendo decisioni spesse volte contro l’interesse della città e con le casse comunali piene di debiti.
    La Comi poi parli meno e resti all’europarlamento a lavorare visto che è superpagata. Saronno può fare benissimo a meno di lei

Comments are closed.