SARONNO – “L’ho sentito parlare al telefono con la mamma poi ho sentito chiudersi la portiera e l’auto partire”. Così uno dei residenti di via Visconti racconta il comportamento del giovane automobilista che ieri sera intorno a mezzanotte ha danneggiato tre auto in sosta.

Tutto è iniziato quando, forse ad una velocità un po’ troppo sostenuta, l’auto del pirata è entrata in via Visconti dall’intersezione con via Marconi. “Abbiamo sentito una sgommata e poi un botto fortissimo – spiega un saronnese – siamo subito corsi in strada”. L’auto pirata aveva colpita un’Alfa 147 spingendola avanti di diversi metri tanto da urtare una Chevrolez Spark a sua volta finita contro una Citroen C3

Inizialmente l’automobilista si è fermato ed è sceso dall’auto:”Era un ragazzo giovane e a bordo c’era una ragazza – spiega una residente – mi sono affacciata e gli ho chiesto se stessero bene. Gli ho detto se voleva dell’acqua ma ha rifiutato anche perchè era già al telefono con la mamma”. Pochi minuti dopo il ragazzo è risalito in auto, ormai senza paraurti e perdendo pezzi di fanale si è allontanato a gran velocità. Proprio in quel momento passava una pattuglia della Vedetta Lombarda che è riuscita a prendere il numero di targa della vettura grigia in fuga.

Sull’episodio stanno indagando i carabinieri della compagnia di Saronno che hanno effettuato tutti i rilievi del caso. I danni sono consistenti soprattutto per l’Alfa 147 che ha una ruota distrutta e molte ammaccature alla carrozzeria proprio come la Chevrolez Spark.

 

23082013

6 Commenti

  1. strano, nessuno di fronte ad un episodio simile invoca più controlli e più sicurezza, chissa che commenti, se fosse sceso dall’auto un extracomunitario……..

  2. Io avrei detto più telecamere per risalire ai colpevoli ma questa volta grazie ai vigilanti privati si è risolta la cosa.
    Caro @barman non c’è da scherzare con tutte le auto in circolazione senza assicurazione e la maggior parte sono propio loro.
    Comunque ci voglio più telecamere , gli onesti non hanno nulla da nascondere.

    • caro Luca, mica scherzavo, tu sei l’unico a dire qualcosa (una scelta di difficile applicazione che non condivido, ma almeno sei coerente), altri invece visto che il pargolo ha chiamato la mamma, non hanno ravvisato nell’episodio un pericolo da sottolineare, personalmente mi preoccupano di più queste cose, non solo per i danni alle macchine ma per quelli che potrebbero causare ad altre persone

  3. interessanti commenti, ma quello che più colpisce è che (a livello italiano) a destra si reclami il massimo di libertà in campo economico e il minimo in campo privato (perchè le telecamere in un modo o nell’altro limitano le libertà…qualcosa non quadra.
    Dal punto di vista tecnico vogliamo uno street view ovunque, perchè no anche all’interno delel abitazioni, che lì si verificano i crimini maggiori…

Comments are closed.