image

SARONNO – Colpo di scena questa sera in consiglio comunale: Enzo Volonté e Paolo Strano hanno creato un nuovo gruppo consiliare “Saronno al centro”.

L’annuncio è stato fatto ad inizio della seduta con un lungo intervento di Enzo Volonté che ha riepilogo come sono arrivati a questa decisione partendo dal clima di disaffezione per la politica e alla necessità di un rinnovamento da parte dei partiti.

“Alla luce di queste considerazioni riteniamo di sospendere, almeno momentaneamente , la nostra appartenenza al gruppo del Pdl dando vita ad un altro raggruppamento consiliare di rappresentanza civica che vogliamo chiamare “Saronno al centro””.

“La posizione del neonato gruppo consigliare continua ad essere di opposizione critica ma non pregiudiziale nei confronti di questa amministrazione”. Del nuovo gruppo fanno parte Enzo Volonté e Paolo Strano che sarà il capogruppo.

(Seguono aggiornamenti)

25102013

7 Commenti

  1. si salvi chi può….il personaggio vuole riciclarsi come il nuovo che avanza. Grande centro-destra.E vorrebbero vincere le elezioni.
    Si sospendono dal PdL per vedere come finisce la notte dei lunghi coltelli a Palazzo Grazioli??? Mi viene da piangere

  2. Porro inadeguato e opposizione pdl/lega inesistenti… Siamo messi proprio bene a Saronno!

  3. Come abbandonare la nave prima che affondi. Sperando per loro che non si siano imbarcati sulla Concordia.

  4. Finalmente qualcuno che ha avuto il coraggio di abbandonare i riferimenti (???) della politica nazionale per concentrare l’attenzione sui problemi della nostra città (che sono tanti e che questa amministrazione Porro non riesce ad affrontare).
    Auguri, sperando che questa nuova iniziativa porti a nuove positività per Saronno

  5. Ripartire è la parola d’ordine.
    Giusto farlo nella notte dei lunghi coltelli?
    Ai posteri l’ardua sentenza.

  6. Volontè e Strano sono due persone che hanno fatto molto negli ultimi anni.
    Uno si muove molto bene nell’ambito associativo, meno in quello politico.
    L’altro ha svolto molto bene il ruolo di assessore, ma politicamente non è un leader.
    Non si capisce dove vogliano andare, qual è il fine ultimo di questa scelta, una lista civica? Un contenitore di idee?
    Che c’è con loro?

    Diamo tempo, arriveranno le risposte?

Comments are closed.