15112013 consiglio comunale ragazzi (3)SARONNO – Con un dibattito durato due ore la maggioranza del sindaco Luciano Porro ha approvato la delibera per il riconoscimento simbolico di cittadinanza italiana ai minori nati in Italia da cittadini stranieri regolarmente soggiornanti e residenti del comune di Saronno.

In sostanza l’Amministrazione ha deciso di conferire un riconoscimento simbolico di cittadinanza italiana ai minori di 18 anni, nati in Italia da cittadini stranieri regolarmente residenti nel Comune di Saronno.

Il conferimento sarà accompagnato da un progetto cittadino rivolto a tutti i saronnesi per la sensibilizzazione alla convivenza civile. La cittadinanza simbolica avverrà nel corso del consiglio comunale aperto che annualmente si tiene in occasione della Giornata internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza. L’attestazione simbolica sarà realizzata tramite l’assegnazione da parte del sindaco di una coccardina tricolore e una pergamena con il nome e il cognome del minore, la sua data di nascita e la sua nazionalità. 

Sarà anche creato un registro presso l’ufficio anagrafe del Comune in cui saranno annotati, in ordine cronologico, tutti i riconoscimenti simbolici di cittadinanza concessi.

La deliberà sarà inviata al Presidente della Repubblica, al Governo e alla Presidenza della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.

20122013

 

20 Commenti

  1. Sarò “fuori dal mondo” ma sono basita per questa notizia. Ma come, un Sindaco e la sua maggioranza si permettono di sostituirsi allo Stato? Che significato legale possono avere una coccardina tricolore e una pergamena col nome e la…nazionalita”. E’ incredibile, siamo nel paese delle meraviglie, non in quello degli ex amarett!

  2. Il consiglio comunale di Saronno (e con lui oltre 200 consigli comunali in Italia) non si sostituisce ne può sostituirsi al Parlamento: si tratta di un atto simbolico e politico per chiedere la modifica della inadeguata normativa attuale. Come si può leggere nello Statuto del Comune di Saronno: “La Comunità dei Saronnesi è aperta al divenire dei tempi alle forme sempre più composite dei suoi residenti; è pronta all’accoglienza delle più svariate culture”. Quanto approvato ieri sera può essere un esempio di come praticare concretamente l’obiettivo sopra ricordato.
    Ridicolo è chi, come è avvenuto ieri sera in consiglio comunale, dice di no anche per il costo di un coccardina tricolore e di una pergamena.

    • magari chi dice no, lo dice anche per atto politico, perchè non è d’accordo con te e non è ridicolo esprimere opionioni diverse

    • Tanto aperta da permettere occupazioni abusive e non riuscire a comtrollare Telos

  3. la solita pagliacciata sinistroide e buonista. Va bene che siamo sotto Natale, ma un pó di decenza…

  4. credo che piaccia o no “i nuovi italiani” fanno comunque parte della nostra nazione aprono attività e fanno lavori che noi non vogliamo più fare quello che in un tempo non lontano altri italiani hanno fatto in Belgio nelle miniere perdendo anche la vita .. in Germania in Argentina negli Stati Uniti d’America e dove hanno subito le discriminazione che abbiamo abborrito..

  5. Quando ci sono i cittadini saronnesi che cadono perchè i marciapiedi sono rotti , le strade non sono manutenute questa amministrazione recita sempre la parte dei …..non ci sono sonldi…
    però ci sono per queste azioni simboliche inutili. Senza contare che questa azione può diventare un invito gradevole per gli immigrati clandestini di cui ormai è piena l’Italia, sembra che questa amministrazione favorisca gli stranieri rispetto ai cittadini ITALIANI , e questo è completamente SBAGLIATO

    • …a parte che guarda caso vale sono per chi ha un permesso di soggiorno regolare, e non per i clandestini. Poi sul favorire i cittadini stranieri, prego accomodarvi a fare le badanti, le infermiere (ah già difficile trovare una infermiera italiana con tutte queste laureate bocconiane) o a raccogliere pomodori, oppure a cucire e rammendare.Già poi si naturalizzano calciatori e affini…quelli nessuno ha niente da ridire.Forse che gli aborriti inglesi (la perfida Albione) abbiano ragione sulla gestione dell’immigrazione e dei lavori rifiutati??

      P.s.: Che diavolo è un cittadino a denominazione d’origine controllata?? siamo nel 2013 quasi 2014 ….

  6. Semplicemente. …VERGOGNAAAA!!!!! Sindaco e giunta, uscite dal comune e fermate tutti i cittadini che vi passano sotto il naso, chiedete loro se sono felici x qs cosa o se gradirebbero altro x la loro cittadina…..poi riferiteci le risposte

  7. Io il registro dei cittadini italiani aggratis lo istituirei direttamente nella zona stazione, lo farei libero senza troppe discussioni e delibere così che tutti possono firmare, sarebbe una bella mossa per l’integrazione delle persone civili e corrette, educate e sensibili che quotidianamente affollano quell’area. E se non hanno il biglietto pazienza. Basta la cittadinanza onoraria!

    • ma che dice: l’ha sentito il consiglio comunale alla radio?
      tre ore di dibattito prendendo tutto il tempo e gli argomenti disponibili.
      ma la maggioranza ha fatto muro di gomma e si è votata la cittadinanza simbolica.
      ha ben chiaro come funziona la democrazia? non mi pare

  8. Mi raccomando, datela anche al personaggio che questa sera alle ore 21:00 nei pressi dei portici della stazione si aggirava a torso nudo, urlando e sputando in maniera indecente.

  9. Cittadinanza simbolica. . . Mah!!!!!! Probabilmente è l’inizio della fine. . . Si comincia così per poi renderla effettiva. Ma serve proprio una coccarda x far si che ci sia una convivenza civile? Ma siamo sicuri che la gente approvi questa decisione? A parte che il costo di tutto ciò può essere più o meno alto, ma è così tanto bello fare le cose con i soldi dei cittadini (purtroppo anche quelli contrari) in questo periodo dove non ci sono soldi per nessuno? Ah beh… Ovviamente SOLO per alcune cose saltano fuori!!!!
    . . . E poi il tutto verrà inviato . . . ” al Presidente della Repubblica, al Governo e alla Presidenza della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica “. . . Tutti loro PARENTI ovviamente. . .
    POVERA ITALIA !!!!

  10. Le cose importanti della città: in questo caso si rispecchia proprio il modus operandi del nostro parlamento…

Comments are closed.