luciano porro tricolore (2)SARONNO – “Deve essere una giornata di festa all’insegna dell’inclusione e dell’unità di tutti coloro che condividono i valori dell’antifascismo inseriti nella nostra Costituzione”. Inizia così il sindaco Luciano Porro il suo appello in vista della celebrazione per il 25 aprile che si terranno domani mattina in città e per le quali sono già state annunciate contestazioni da parte dei ragazzi dei centri sociali.

“Il mio discorso è già scritto – continua il primo cittadino – l’ho preparato prima di Pasqua perchè ho ben chiaro il valore di questa giornata che deve essere una ricorrenza che unisce e non che divide. Per questo invito tutti i saronnesi, i sodalizi, le associazioni a partecipare alle celebrazioni. Chiedo a tutti di essere presenti in piazza portando i valori che hanno fatto questa pagina di storia. Altrettanto importante è lasciare a casa ogni inutile e sterile strumentalizzazione “. Porro conclude: “Se ci saranno delle proteste auspico che avvengano nel pieno rispetto della legalità e nei limiti della civile convivenza anche per rispetto della delegazione che arriverà da Feltre”.

(foto d’archivio: il sindaco in una manifestazione ufficiale)

24042014

 

3 Commenti

  1. …poi mi spieghi la Porro & Co. (-1) cosa ci vengono a fare a Saronno quelli di Feltre …siamo gemellati con loro?
    Fiducia ante post sull’unità di intenti, …ma se poi sopravviene la tanta paventata “strumentalizzazione” …che si fa? …solite discorsi, solite pantomime …solite prese di posizione! …è da quando c’è questa amministrazione che si va avanti col “solito” 25 aprile e non credo che questo sia diverso …non credo proprio, ante per post!

    • se tu fossi stato presente avresti saputo perchè c’era il sindaco di feltre. se c’eri e non l’hai capito è colpa tua perchè lui l’ha spiegato benissimo

  2. Il mio Tricolore è già esposto, in bella mostra, a garanzia del rispetto per la festa nazionale e del prestigio della nostra Patria.

    Prossimo appuntamento, 2 giugno 2014.

    Saluti

Comments are closed.