luciano porroSARONNO – “Al di là dell’amarezza che provo dal punto di vista umano e personale vorrei ribadire ancora una volta che nulla, nulla giustifica la violenza fisica e verbale che purtroppo ha caratterizzato il nostro 25 aprile. Chi se ne è macchiato sarà giudicato dai presenti, dai saronnesi e da una giustizia superiore a cui non tutti credono”.

E’ questo il sunto dell’intervento del sindaco Luciano Porro sui fatti del 25 aprile. Dopo i commenti a caldo del post cerimonia e contestazioni il primo cittadino, durante il question time di stamattina, è tornato sui fatti che hanno infiammato la mattinata di venerdì.

“Dal punto di vista politico e morale mi rincresce per la violenza a cui abbiamo assistito: la violenza va condannata sempre. Almeno questo mi impone il mio stile di vita: nessuna violenza ne quella fisica ne quella delle parole può essere tollerata. Voltare le spalle al sindaco durante il discorso ufficiale è molto grave quanto i fischi e gli insulti per impedire il discorso”.

Il giudizio di Porro è insomma di una forte condanna per tutto quanto accaduto a partire dai tafferugli: “Non ero presente ma da quello che ho visto nei video in via Carlo Porta ci sono stati eccessi da entrambe le parte. C’è stata una provocazione ed una pressione da parte dei manifestanti ma ovviamente questo non giustifica in alcun modo le manganellate anche se sono arrivate nel tentativo di evitare che venisse ostacolata la cerimonia”.

Durissima l’attacco ai centri sociali: “Si è scelta la celebrazione del 25 aprile per contestare il sindaco e il Pd perchè si sono resi responsabili degli sgomberi. Hanno scelto questa giornata per dar sfogo alla propria rabbia. Occupare non è la legalità di questa Amministrazione e ci spiace che il nostro concetto di lecito è molto diverso da quello di questi gruppi”.

Una nota del tutto personale il sindaco se la concede sui contenuti di alcuni cori: “Si è scelto di deridere la mia spiritualità: sono molto orgoglioso di questa componente della mia persona che ha riflessi nella mia attività politica sebbene non sia condivisa allo stesso modo da tutta la Giunta. Credo che sia un modo per avere nel cuore valori universali come la pace, la giustizia e la libertà d’espressione che evidentemente mancano in altre persone”.

Porro commenta anche la massiccia presenza di forze dell’ordine:”Non sono stato io o l’amministrazione a chiedere l’intervento dei blindati e dei poliziotti che ci siano 2 mila o 50 agenti e soprattutto se, come e quando debbano intervenire viene sempre deciso dalla Questura. Io auspicavo che non ce ne fossero in piazza perchè avrebbe significato che non ce n’era necessità”.

29042014

23 Commenti

  1. Insomma… secondo il dott. Porro il sunto è: alla fine, è colpa di tutti TRANNE che del Sindaco che -poverino!- paga colpe altrui… 😉

    • Spero che il sindaco faccia mente locale a quell’anno passato prima che , dopo ripetute e costanti richieste a parte dei cittadini , s’invocava lo sgombero , s’invocava il ripristino della legalità…..ma “era tutto a posto ….ma di sera in stazione di poteva girare tranquilli ” Ora intesta ad un partito politico il ripristino della legalità………
      Incredibile …incredibile ….

      Non avrà mai più il mio voto

    • ”Non sono stato io …!!!!”
      ” Alla fine è sempre il sindaco che paga per tutti”

      Chi guida un’auto non delegare la responsabilità al passeggero , se costantemente va fuori strada

  2. Sono convinto che tutta Saronno condivida ciò che il Dr. Porro sostiene, esclusi ovviamente qualche avversario politico che ne approfitta per fare propaganda elettorale e quella trentina di contestatori che pretendono libertà di occupare, di lordare la città, di usare violenza e non sa minimamente rispettare la libertà altrui. Contro comportamenti simili qualche decennio fa non c’era solo il manganello …!

    • Oggi…oltre al manganello, non per volere, ma perché imposto dalla questura …cosa c’è?

    • Per Beppe segnalare disagi , occupazioni abusive….chiedere , di diritto, la sicurezza è solo questione di propaganda elettorale !!Evidentemente la stragrande maggioranza dei cittadini saronnesi sono in campagna elettorale da anni ….

  3. certi comportamenti ci sono solo se si tollerano sempre e si fa finta di niente per troppo tempo

  4. Io sono stranamente accanto al sindaco e alle sue dichiarazioni tutta via vorrei muovere una critica partendo dal fatto che da quel che si sente nasce spobtanea l’ideache sempre e solo a Saronno quando arriva il 25 Aprile ci sono sempre i soliti ragazzi che contestano e inneggiano contro l’antifascismo…che per altro secondo senza motivo visto che nella vita cicica epolitica e sociale è morto e sepolto (mi riderisco al fascismo), però non potrebbe essere che per anni si è lasciato attecchire quel gruppetto di pseudo antifascisti (per me solo perditempo che nemmeno sanno cosa vuol dire dasxismo e antifascimo) e mi riferisco a Telos e compagnia cantante. Concludo xhe se ci fosse stato Casapound a protestare il25 Aprile avrei scritto le stesse cose. Forse caro sindaco e Saronnesi tutti è giunto il mento che tutti i vari movimenti agli estremi finiscono di essere ospitati sul territorio di Saronno e durante l’anno che vadano altrove a fare proteate occupazioni e baracchini ed allora forse avremo un 25Aprile vissuto nel sengno sel rispetto di ciò che rappresenta questa giornata.

  5. Io sono stranamente accanto al sindaco e alle sue dichiarazioni tutta via vorrei muovere una critica partendo dal fatto che da quel che si sente, nasce spontanea l’ideache che sempre e solo a Saronno quando arriva il 25 Aprile ci sono sempre i soliti ragazzi che contestano e inneggiano contro l’antifascismo…che per altro secondo me senza motivo visto che nella vita civica, politica e sociale è morto e sepolto (mi riferisco al fascismo), però non potrebbe essere che per anni si è lasciato attecchire quel gruppetto di pseudo antifascisti (per me solo perditempo che nemmeno sanno cosa vuol dire dasxismo e antifascimo) e mi riferisco a Telos e compagnia cantante. Concludo xhe se ci fosse stato Casapound a protestare il25 Aprile avrei scritto le stesse cose. Forse caro sindaco e Saronnesi tutti è giunto il mento che tutti i vari movimenti agli estremi finiscono di essere ospitati sul territorio di Saronno e durante l’anno che vadano altrove a fare proteate occupazioni e baracchini ed allora forse avremo un 25Aprile vissuto nel sengno sel rispetto di ciò che rappresenta questa giornata.

  6. pieno appoggio a luciano porro. quello che si è visto il 25 aprile è stato vergognoso

  7. un question time dove non hai fatto altro che rimarcare i tuoi errori… forse dai è il caso di smettere: che ne dici? ti ho vivamente e per lungo tempo consigliato di abbandonare l’ardua impresa di amministrare Saronno, ma il tuo buonismo ha sempre prevalso. Ma I risultati sono sotto gli occhi di tutti, Luciano, l’accanimento terapeutico non serve, siamo passati alla “terapia del dolore”, poi c’è da staccare la spina! Il consigliere Sportelli lo può fare, e non devi ritenerti legato alle sue ambizioni, non deve essere lo strumento per arrivare alla fine della legislatura per poi ritrovartelo nelle liste dei candidati del PD alle prossime amministrative! Saronno non merita questo, non meritava nemmeno il 25 Aprile che ha vissuto, non merita …riflettici è …ora di dare le dimissioni!

      • Incredibile!!! …non sono + il solo a pensarla così! …qui qualcosa si muove, c’è qualcun altro che ha a cuore Saronno come l’ho a cuore io!

  8. Nella vita è giusto esprimere il proprio pensiero ma farlo in “anonimato” o con un “nikname” è come parlare alla gente in piazza Libertà con il viso coperto da un passamontagna.
    Personalmente lo ritengo non democratico e privo di qualsiaai senso civico!!!
    Continuate a commentare ma senza passamontagna.!!!

  9. E il caro Sindaco fa esporre un manifesto con il suo intervento del 25 aprile, per istruire i concittadini visto che i pochissimi presenti non l’hanno potuto ascoltare per colpa di un gruppetto
    … Ma non era Gilli il megalomane!

Comments are closed.