via Brianza Cassina Ferrara (3)SARONNO – “Signore guardi che quella banconota è falsa”: così, mentre faceva acquisti in un supermercato della zona, un anziano saronnese residente della Cassina Ferrara ha scoperto di essere stato raggirato.

Tutto era iniziato qualche ora prima quando l’uomo era stato fermato, alla Cassina Ferrara nei pressi del parco Lura,  da due giovani su un furgone. Il conducente l’aveva accolto con familiarità ed anzi era quasi offeso dal fatto di non essere stato riconosciuto e salutato. I due hanno iniziato a parlare, il ragazzo alla guida ha spiegato all’anziano di aver parlato con lui spesso durante le partite di calcio al centro sportivo cittadino.

Dopo qualche chiacchiera il conducente e ha portato il discorso sul suo amico, seduto sul sedile passeggero, che ha due figli piccoli e stava vedendo un po’ di frutta fresca per arrontondare. I due complici hanno così aperto il furgone e mostrando all’uomo mele e pesche. L’anziano ha chiesto di poterle assaggiare e trovandole buone e ha deciso di prenderne un sacchetto. Arrivato il momento di pagare, il prezzo pattuito era di 10 euro, il saronnese ha estratto una banconota da 50 euro. I due non hanno battuto ciglio gli hanno consegnato due pezzi da 20 e si sono allontanati rapidamente.

L’uomo si è accorto di essere stato raggirato solo quando nel pomeriggio la cassiera gli ha fatto notare che la sua banconota era palesemente falsa. Per scrupolo ha fatto controllare anche la seconda e anche quella è risultata contraffatta. Al saronnese non è restato altro da fare che sporgere denuncia ai carabinieri.

Raggiri analoghi, con l’escamotage del conoscente sul furgone e la vendita di frutta a prezzi d’occasione, erano stati messi a segno anche in primavera nel parcheggio del tribunale e al confine con Uboldo.

(foto d’archivio)

24082014

2 Commenti

  1. ancora sti due con il furgone della frutta! MA non erano già stati segnalati e saznionati a giugno?

Comments are closed.