31052015 notte elettorale licata (4)SARONNO – La prima edizione del 2 giugno dell’Amministrazione del sindaco Alessandro Fagioli ha lasciato molte perplessità all’opposizione. Lo racconta, a caldo sulla propria pagina Facebook, Francesco Licata capogruppo Pd sulla propria pagina Facebook.

In un testo che riportiamo integralmente.

Succede a ‪‎Saronno‬ il duegiugno festa della Repubblica‬ italiana‬ che compie 70 anni.
Il ‪sindaco‬ non si presenta e penso che sia opportuno che informi i cittadini sul perché, soprattutto per augurargli una pronta guarigione in caso di temporanea indisposizione.

La locale sezione dei paracadutisti offre un emozionante spettacolo, con degli aviolanci, ai presenti in Piazza Libertà e scopro che loro stessi hanno sia provveduto a fornire l’impianto voce che a cancellare le scritte (Hitler capitano,ndr) allo stadio. Chapeau!

Lì tutto finisce così, senza discorso del vicario ne alzabandiera e senza che l’Amministrazione comunale abbia provveduto a dare opportuna comunicazione circa i festeggiamenti, se non il semplice accostamento ,con il logo del comune, al manifesto fatto dai pará per il due giugno. Perché? A chi giova? Mi viene legittimamente da chiedere.

Ci spostiamo presso il monumento ai paracadutisti antestante lo stadio per commemorare il decimo anno della sua posa. Personalmente penso che ciò avrebbe dovuto essere un evento nell’evento della festa e non l’unico, come è stato, e non mi rassegno accontentandomi e pensando che se non ci fosse stato questo non ci sarebbe stato nulla, pur comunque tributando un doveroso plauso all’associazione organizzatrice.

Il discorso del facente funzione del Primo cittadino mette poi la ciliegina sulla torta visto che probabilmente l’assessore lo scambia per un comizio in cui polemizzare con governo per la vicenda dei Marò e, peggio, per parlare del referendum costituzionale come un attacco alla Repubblica ed alla democrazia.
Se chiedo perché, verrò nuovamente accusato di essere strumentale?
‪#‎saronnomeritadipiu‬

03062016

12 Commenti

  1. In Italia purtroppo i tanti problemi non sono questi….ma le sinistre comuniste distolgono l’attenzione. E qui sono bravi…..

    • Non mettere la fascia,ignorare, una cerimonia importantissima e ufficiale, ma non condivisa dal suo partito d’appartenenza, si mostra, ancora una volta, che non si è compreso che essere Sindaco, significa esserlo per tutti i cittadini a nome e per conto della Repubblica Italiana, come da giuramento. Sfuggire non rende merito a nessuno

  2. Caro diegorsy, perché ti meravigli dell’assenza del sindaco? Sarà stato legittimamente impegnato in qualche evento tipo Lea Car o ristorante Uruguay con relativo buffet.

    • In certe occasioni è sempre legittimamente impegnato !!!!!!

      Essere il sindaco di tutti No eh?

  3. Ma come adesso amate i parà ? Fino a qualche tempo fa con i vostri amici di Sel amavate i comizi arcobaleno. Ora si riscopre un PD alleato al clero e che guarda con orgoglio ai marò.
    Certo che Renzi fa miracoli.

    • Si sa che Licata non è proprio del PD.
      Lui è camaleontico, a seconda di chi si trova davanti può essere ogni cosa :-), persino un Gervasini.

  4. e tu invece a chi giovi?
    #Licata prendi il pennello
    #i para’non la pensano come te anche se prendono il pennello

  5. Fagioli è l’eterno assente…delega Tosi perché è allergico al tricolore…basta questa giunta del nulla deve cadere TUTTI A CASA

Comments are closed.