SARONNO – Gran botto fra via Parini e via Visconti: poco dopo le 18.30 odierne, lunedì, sono entrate in collisione una Volkswagen Polo guidata da una 64enne ed una Ford Kia guidata da una 37enne, entrambe sole a bordo e residenti in città. Ad avere la peggio la Polo, che a quanto pare proveniva da via Parini e che si è ribaltata, scivolando sino all’ingresso del vicino parcheggio. Questa la scena che si è trovata davanti una pattuglia della polizia locale, subito arrivata. La 64enne è uscita con solo qualche contusione da uno dei finestrini della Polo, ed assieme alla conducente dell’altro mezzo è stata trasferita con una autolettiga del Sos Uboldo all’ospedale cittadino, per accertamenti. Non hanno comunque riportato gravi lesioni mentre i mezzi appaiono seriamente danneggiati.

La vigilanza urbana ha chiuso per circa un’ora l’ultimo tratto di via Parini per la rimozione, con il carro attrezzi, della Polo cappottata. Sono ora in corso accertamenti per ricostruire quanto successo e stabilire le responsabilità.

06032017

12 Commenti

  1. Lampioni spenti illuminazione totalmente insufficiente mettete dei lampeggianti prima o poi ci scappa il morto.
    Sul marciapiede dove si è rovesciata l’auto di solito passano i bambini della Pizzigoni
    I responsabili della viabilità si stanno assumendo una grande responsabilità. Se dovesse accadere qualcosa ne risponderete in procura.

    • Forse un po più di attenzione e meno distrazioni di chi guida….
      Anche perché, essendo di Saronno, non penso fosse la prima volta che imboccassero quell’incrocio…..

    • Giusto! Mi rinfrescate la memoria su chi ha “costruito” anni fa questo incrocio?

    • Sinceramente al di là delle situazioni migliorabili, credo che le responsabilità derivino soprattutto da come ognuno di noi rispetta il codice della strada e guida. Illuminazione scarsa? Ovvio che è meglio migliorarla ma si adegua la guida alle condizioni in cui ci si trova. Fari accesi, prudenza, velocità moderata. Non so come sono andati i fatti, ma ogni volta vedo incolpare sempre fattori esterni: il sole, il ghiaccio, il marciapiede, la poca luce. Sia chiaro, laddove è possibile migliorare la situazione è sempre ottimale, ma ricordiamo che alla base di tutto spesso c’è il nostro comportamento alla guida (e non mi riferisco al caso sopra citato, in cui sono felice che non ci siano stati feriti e magari ci sono state concause diverse – vedi guasto, malore, non lo so).

    • sempre a dar la colpa ad altri…le luci le hanno le auto? i condicenti non vedevano? erano forse al cellulare? altro che i lampioni….

  2. É un incrocio molto pericoloso perché non presegnalato.
    Gli incidenti sono innumerevoli con le auto che spesso si ribaltano e/o vanno a finire nell’aiuola del vicino parcheggio. Speriamo che non si aspetti il morto per metterlo in sicurezza.Ho personalmente scritto alla precedente amministrazione ma nulla é stato fatto.
    Basterebbe un dosso,come dei dissuasori della velocità dovrebbero essere posizionati anche in via Manzoni dove le autovetture viaggiano costantemente oltre i limiti. I vari incidenti, anche gravi, al semaforo con via Roma ne sono la dimostrazione.

  3. No ma scusate ma le foto parlano chiaro.
    Ok l’incrocio pericoloso ma mi sembra di capire che c’è un auto RIBALTATA…
    In quell’incrocio al di là del credo e dell’appartenenza politica al netto delle convinzioni in tema di mobilità bisogna andare molto ma molto piano (non dico sempre a 30 kn/h altrimenti scateniamo l’inferno)
    In altre parole per ribaltare un’auto devi andare ad una bella velocità, poi mi sbaglio e magari sono sufficienti 30 km/h…

    • Appurato che le foto parlino chiaro, la colpa è di chi comunque non ha rispettato lo stop a 30 o 50 o 100 km/h…..
      E secondo me si legge bene STOP disegnato per terra oltre ai cartelli segnaletici e le foto parlano chiaro
      Che cosa ha distratto la guidatrice?

Comments are closed.