SARONNO – Dopo aver collegato il pezzo monco di viale Escrivà a via Luini il sindaco Alessandro Fagioli e la sua Amministrazione sognano la realizzazione di un’arteria che corra parallela a via Varese collegando il Retrostazione a via Milano.

Il primo cittadino è stato molto chiaro sull’importanza di questo collegamento: “Una delle iniziative che la mia Amministrazione vuole intraprendere è proprio quella di avviare contatti con tutte le parti interessate alla risistemazione del comparto, dunque Ferrovienord, ex Lesa e immobiliari che sono proprietarie delle vicine aree dismesse”.

In sostanza la nuova arteria si innesterebbe alla maxi rotonda con al centro il grande cedro che il comune progetta di realizzare tra via Escrivà, via Ferrari e via Luini attraverseremmo tutte le aree dismesse note come ex Isotta Fraschini, costeggiando il complesso dell’ex Lesa per poi “sbucare” in via Milano in prossimità dell’ingresso del cimitero maggiore.

Un’arteria completamente nuova che consentirebbe di sgravare dal traffico diretto allo scalo ferroviario l’utilizzatissima via Varese che resterebbe ad uso soprattutto di chi ha bisogno di attraversare la zona est della città da nord a sud e viceversa. Un intervento viabilistico che era nei progetti anche delle precedenti Amministrazioni ma che non si è mai concretizzata anche per le difficoltà di trovare un accordo tra interessi pubblici e privati. Qualcosa sul fronte del recupero della maxi area dismessa tra la stazione, via Varese e via Milano si sta muovendo nelle ultime settimane. Basti citare il rilevamento di parte del fallimento dell’ex Isi da parte di un nuovo operatore. Tecnici e ruspe hanno già iniziato a mettere in sicurezza i luoghi e il sindaco Alessandro Fagioli ha garantito il massimo impegno e celerità nel contattare la proprietà.

05052017

14 Commenti

  1. il massimo impegno a contattare la proprietà?? cioè fare un giro di telefonate??

    Ma la cosa peggiore è giornalisticamente parlando fare da grancassa a un sogno che forse e dico forse si realizzerà tra dieci anni.

  2. Utile soprattutto per gli abitanti di via Varese. Gli altri si tengono il traffico in centro , perché ovviamente il collegamento avrebbe avuto senso se avesse collegato la stazione con la Saronno-Monza e la sua prosecuzione verso l’autostrada, non se trasferisce il traffico su via Milano e il centro

  3. Solo strade ,ma il famoso parco per cui anche la lega a suo tempo si è spesa NULLA

  4. Serve bonificare l’area, poi servirebbe un bel parcheggio davanti al cimitero e un po’ di verde, ma la strada mi pare non serva.

  5. Ma serve davvero una cosa così?
    Avete fatto simulazioni serie su come sono i flussi di traffico? La cosa sembra di una totale confusione.
    E quand’anche ci sia qualche vantaggio, varrebbe proprio la pena di disastrare in questo modo Viale Milano, un bellissimo viale alberato con linea continua di platani?
    Ma possibile che avete sempre in mente qualche idea cretina per distruggere quel poco di bello che abbiamo in città?
    Possibile che non riuscite mai a fare un’innovazione viabilistica senza scardinare quel poco di buono che abbiamo?

    • Bellissimo viale alberato??!!?? …quasi come i boulevards di Parigi…costeggia centinaia di metri di area abbandonata da un lato, cimitero e discarica dall’altro per sfociare nel monumentale ex-alloggio dei Telos!
      Va bene che esiste anche chi ha il gusto dell’orrido… ma considerare bellissimo viale Milano sino ad avere il timore che venga “distrutto”, beh… c’è un limite a tutto!

      • ..il bello forse è nell’occhio di chi guarda o sa guardare oltre; forse tu quest’occhio non ce l’hai
        o forse tu non sei di Saronno abbastanza per voler bene alla città e al buono che ha
        certo che è un bellissimo viale alberato, certo che potrebbe diventare ancora meglio, ma di certo non varrà più nulla e non avrà speranza di migliorare se quella linea di platani la mandate alla malora
        continuate a menarla con l’Italia bel paese, ma il Bel Paese il Bello lo mette dappertutto, non solo a Bolgheri o sui Boulevards
        ma non so perché sto a spiegarti questa cosa se già da solo non l’hai compresa

  6. Quindi fagioli farà pagare ai cittadini un opera che poteva far pagare ai proprietari di quell area?!?bravo fenomenALE

  7. ottimo, poi in previsione della conversione a immobili abitativi dell’area dismessa le strade sono il vettore per l’appetibilità dell’area stessa, prima faccio la strada e poi collocano gli immobili.

  8. non fatevi venire idee troppo buone…altrimenti i nostalgici dell’illuminata precedente amministrazione non avranno più argomenti per suonare i loro tromboni stonati.

  9. Scusatemi, ma questa fantastica opera stradale a cosa dovrebbe servire?! a smaltire il traffico come dovrebbe fare via Balaguer? via Balaguer è stata apera il 27/04, ad oggi non si sono quasi viste transitare macchine.
    invece di impegnarsi in opere inutili non potrebbero pensare a qualcosa di più utile?
    piste ciclabili, parcheggi per i pendolari, parcheggi per chi frequenta la biblioteca, opere di bonifica e messa in sicurezza di tutte le aree dismesse presenti in tutti i quartieri di saronno?
    si occupano solo di fare grandi annunci e campagna elettorale manco fossimo sotto elezioni…

  10. L’opera è già prevista da diversi anni, tanto che anche google maps riporta la via con tanto di nome

Comments are closed.