SOLARO – Sono state deliberate dalla giunta comunale le modalità di accesso ai contributi statali messi a disposizione delle categorie più fragili e in difficoltà della popolazione per far fronte all’emergenza economica dovuta all’epidemia da coronavirus. Criteri e importo dei buoni spesa sono stati concordati con i sedici Comuni d’ambito del Nord Ovest Milano ed i tecnici di Comuni Insieme.

Per richiedere il contributo sarà necessario rientrare nei criteri predisposti e pubblicati sul sito del Comune e inviare la modulistica disponibile sempre sul sito del comune all’indirizzo [email protected].
Per richiedere ulteriori informazioni sono a disposizione i numeri 0296984226 e 0296984225 dalle 9 alle 12. Nelle prossime ore il Comune promuoverà anche una campagna di raccolta fondi di solidarietà sempre in sostegno alle categorie più fragili.

“Fatte proprie le indicazioni primarie del Governo sugli aventi diritto e sviluppato un serio confronto tra Sindaci, abbiamo predisposto criteri e importi che fossero comuni per tutti. A Solaro sono state decise tre differenti modalità di accesso al contributo: tessere prepagate per la grande distribuzione con scontrino che certifichi l’acquisto di beni di prima necessità, rimborsi ai commercianti del paese che vorranno aderire e distribuzione di pacchi viveri come risorsa d’emergenza all’ufficio Servizi Sociali. Sappiamo che il momento è difficile per tutti, ma la priorità deve andare a chi è rimasto senza lavoro e senza fonti di sostentamento. Per questo richiediamo la massima onestà e collaborazione ai cittadini di Solaro. È inutile presentarsi in Municipio senza prima aver concordato gli appuntamenti con gli uffici preposti o aver inviato la modulistica via e-mail”.

05042020

3 Commenti

  1. Giunta che non prende mai decisioni autonome.
    Sempre al seguito di città metropolitana o comuni nord ovest.

    Mai avuto idee nuove ma solo copiate da paesi limitrofi o suggerimenti dell’opposizione (senza riconoscerne il merito).

    E per fortuna si erano posti come alternativa e come giunta giovane (giovane di esperienza -cioè nessuna- )

  2. Ma chi non ha internet o una mail, mi riferisco ad anziani soli, a persone disagiate che non hanno capacitàe mezzi informatici, come caspita fanno ad avere il contributo?! Sindaco, ieri i disabili dimenticati nell’ordinanza Esselunga, oggi le persone che non hanno accesso ad internet, ma vuole avere larghe vedute su tutta la popolazione solarese e dimostrare di essere e saper essere il sindaco di tutti? Fare il sindaco vuol dire andare decisamente oltre il compitino di scuola, occorrono ben altre capacità.
    Saluti.

Comments are closed.