Home Città Coronavirus, lettera aperta della nipote di anziana deceduta alla Focris. “Serve chiarezza”

Coronavirus, lettera aperta della nipote di anziana deceduta alla Focris. “Serve chiarezza”

2152
8

SARONNO – “Oggi purtroppo ci ha salutati per sempre, per quel maledetto Covid 19, mia zia, la ospite della Focris (Fondazione Casa Riposo Intercomunale di Saronno), di cui era uscita notizia nei giorni scorsi. Il 19 marzo ha iniziato a non stare per nulla bene presso la Focris e solo il 21 marzo hanno deciso di contattare il numero di emergenza ove hanno convenuto di trasferirla in ospedale dov’è
giunta in codice rosso e da dove non è più uscita”.

Inizia così la lettera di una saronnese che torna a parlare dell’emergenza Coronavirus all’interno della casa di riposo Focris: “Desidero scrivere questo appello perché lo devo moralmente a mia zia che non meritava di andarsene senza nessun al suo fianco, e a mia mamma che sta vivendo dei momenti drammatici, come tutti coloro che hanno subito un lutto di questo tipo in famiglia. Privatamente ci stiamo adoperando nel richiedere le cartelle cliniche e tutta la documentazione alla Focris e per quanto svolto fino al giorno del trasporto in pronto soccorso, ma è opportuno, nello spirito della salvaguardia di altre vite umane, richiamare l’opinione pubblica chiedendo come sia possibile che dopo un caso conclamato di Covid-19 presso la Focris non si sappia nulla in merito a cosa stia accadendo ufficialmente all’interno della stessa struttura. Mi raccontano di altri decessi avvenuti in questo periodo, di ospiti con sintomi febbrili ai quali
vengono riscontrate semplici infezioni “generiche”, del sindacato di lavoratori non infermieristici che richiede trasparenza al sindaco di Saronno e Ats.

La saronnese conclude la sua dettagliata missiva con un’accorata richiesta: “Affinché, quindi, il mio dubbio sulla questione corretta dell’emergenza possa essere da subito chiarito, chiedo pubblicamente alle autorità competenti di procedere con le dovute verifiche,
come la mia famiglia agirà nel privato, per tutelare tutte le persone ancora presenti presso la struttura. Ringrazio di cuore se desideriate pubblicare il mio scritto con la speranza che possa essere di aiuto a qualcuno che, a differenza mia, può ancora fare qualcosa per i propri cari”

06042020

8 Commenti

  1. M unisco al dolore della gentile signora che benché abbia scritto una pubblica lettera aperta rimane inspiegabilmente anonima e non firmata su queste pagine, alla quale porgo le miei più vive condoglianze.
    Aggiungo solamente che quello che stupisce è l’assoluto assordante silenzio di tutti i sindaci coinvolti nella gestione della FOCRIS, in particolare del Sindaco di Saronno che al contrario di tutti i sindaci del circondario non comunica attraverso la stampa alla popolazione i dati di coinvolgimento della Città in questa deprecabile vicenda del Coronavirus lasciando i cittadini in una situazione di disagio e disinformazione generale.
    Saluti.

    • La signora si è firmata. E’ stata una scelta della redazione non rendere pubblico il nome, per tutelarne la privacy. Del resto la saronnese ha scritto anche alle autorità quindi chi vuole intervenire ha tutti i mezzi per farlo. Saluti Sara

  2. Non si ha alcuna intenzione di polemizzare ma per avere chiare risposte ed informazioni trasparenti nel merito della situazione contagio nelle case di riposo cittadine, sarebbe opportuno rivolgere l’istanza non solo al Presidente del Consiglio di Amministrazione della Focris ma anche agli altri responsabili di Casa Gianetti e Sant’Agnese. Il Sindaco di Saronno non risponderebbe in tempo perché è impegnato in altre faccende.

    • Il sindaco non risponde anche perchè si è reso conto ( forse ) di non essere capace.

  3. E’ singolare che qualcuno sottolinei l’anonimato della lettera chiedendo spiegazioni e si firmi ……Anonimo , boh .

Comments are closed.