SARONNO – Le norme del distanziamento sociale e gli obblighi anticontagio sono stati rispettati ma certo ieri alla biblioteca di Casa Morandi gli accessi hanno avuto un notevole incremento come racconta l’assessore alla Cultura Laura Succi. “Già ieri mattina il numero di saronnesi che si sono presentati per fare “scorta di cultura” è stato considerato, chiaro segnale di quanto quello della biblioteca sia un servizio apprezzato e necessario anche in questo periodo così difficile. Gli spazi di consultazione e studio sono chiusi ma il prestito è attivo ed è un’importante risorsa per la città”.

Già perchè sono stati molti i saronnesi che finito il primo lockdown hanno chiesto a gran voce la riattivazione della biblioteca e che hanno rispettato le norme per poter accedere. “In quest’ultima fase – continua l’assessore – si entrava solo indossando la mascherina e dopo la misurazione della febbre realizzato dai alcuni volontari”. Tra gli scaffali possono girare al massimo 5 utenti contemporaneamente ovviamente mantenendo le distanze e la sala ragazzi viene utilizzata da un gruppo famigliare per volta. E’ anche prevista, come da normativa, la “quarantena” per libri e dvd.

1 commento

Comments are closed.