SARONNO / LIMBIATE / TRADATE / VARESE / BUSTO ARSIZIO / GALLARATE – E‘ stata Varese, nei dati del tardo pomeriggio di ieri, a guidare la crescita dei contagi da coronavirus nella zona mentre si è visto un lieve rallentamento di Saronno e Limbiate. In aumento Tradate.

Ecco il quadro della situazione con il numero totale delle persone contagiate (fra parentesi il dato di ieri):

Saronno: 1.680 (1.647)

Caronno Pertusella: 818 (795)

Origgio: 417 (399)

Cislago: 557 (525)

Gerenzano 561 (537)

Tradate: 771 (719)

Varese: 2.713 (2.543)

Busto Arsizio 3.174 (3.056)

Gallarate 2.015 (1.922)

Laveno Mombello 455 (437)

Malnate 799 (751)

Coquio Trevisago 265 (256)

Somma Lombardo 622 (590)

Vedano Olona 359 (333)

Nel Comasco:

Turate 402 (377)

Mozzate 370 (355)

In Brianza:

Limbiate 1.923 (1.898)

Cesano Maderno 1.711 (1.681)

Barlassina 320 (316)

Cogliate 443 (405)

Ceriano Laghetto 316 (298)

Lazzate 367 (351)

Monza 5.085 (4.959)

Desio 1.912 (1.862)

Seregno 1.882 (1.839)

Lissone 1.943 (1.897)

Brugherio 1.481 (1.435)

Giussano 1.173 (1.141)

In Lombardia 8.448 nuovi casi positivi al coronavirus, che sono stati evidenziati con 38.283 tamponi; le vittime sono state +202; in Italia il numero dei decessi è balzato a 731. Tornando il Lombardia, il rapporto è pari al 22%. I guariti/dimessi sono 4.018.

Ancora numeri da record nel Varesotto per quanto riguarda i nuovi contagi da coronavirus, oggi altra impennata con +1830 nuovi casi, peggio solo nel Milanese. Torna a superare i mille casi, +1.024, anche il Comasco ed in Brianza sono +894.


Per informazioni o per le richieste di aiuto riguardo all’emergenza coronavirus. Numero verde gratuito: in caso di sintomi influenzali o problemi respiratori 800894545. Evitare di utilizzare il numero 112 per non intasare le linee, lasciarlo libero per le emergenze sanitarie.

Informazioni generali: chiamare il 1500, numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute o telefonare al proprio medico di medicina generale o al pediatra.

(foto: a sinistra l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera)

17112020