MILANO – “Inaccettabile il divieto di spostamenti per Natale e Santo Stefano previsto nella bozza del nuovo Dpcm per l’emergenza coronavirus al vaglio del premier Giuseppe Conte”: il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, lo ha detto allo stesso Conte e ribadito nel corso di una conferenza stampa a Milano nel tardo pomeriggio odierno.

Annunciando che la Lombardia si appresta a passare in Zona gialla, “se i numeri restano quelli degli ultimi giorni dovremmo entrarci l’11 dicembre, decorse le due settimane di stabilizzazione. E’ un passaggio automatico” ha detto Fontana.

Il governatore lombardo si è soffermato sulle imminente festività: “Emerge la volontà del Governo di vietare gli spostamenti a Natale e Santo Stefano, provvedimento che non tiene conto della realtà lombarda. E’ una scelta che crea difficoltà a tanti cittadini che devono incontrare nonni o genitori anziani, e situazioni paradossali per chi magari per pochi metri è diviso da un confine”.

03122020

12 Commenti

  1. ma basta, questo è un pazzo. anche oggi abbiamo una quantità di morti e questo vuole andare a divertirsi e fare i cenoni. va rimosso. vogliamo il commissariamento. è capace solo di fare danni

    • Le ricordo con tutto rispetto che ,per certo toccato su un mio conoscente,anche chi muore di tumore o infarto viene classificato covid ,basta è ora di farla finita,

  2. Inaccettabile leggere il suo commento, oggi picco assoluto di morti in lombardia e in Italia.
    Ti contagi anche a Natale, giusto evitare e limitare i contatti tra gente che magari nemmeno si frequenta abitualmente.
    La regola e’ meno te ne vai in giro e meno contagi e morti ci saranno.
    Non sia ipocrita ci si abbraccera’ a condizioni di rischio limitate. O vogliamo la 3° ondata e poi chiediamo “e ma come mai?”

  3. Sicuramente è una situazione difficile x tutti. Io ho anche una madre sola, malata. Ma bisogna stringere i denti per limitare i danni della gente scriteriata che ha in mente solo i regali, i cenoni e le feste! Come al solito per alcuni pagano tutti! Comunque appoggio la linea dura di conte

  4. Inaccettabile che costui parli ancora dopo gli sfracelli fatti. Si dimetta con disonore!
    Qualsiasi decisione avesse preso il governo questo “telecomandato” (telecapitanato) avrebbe detto il contrario… ma senza mai prendersi una responsabilità.

  5. Ancora parla? Sembra un robottino
    In loop: il Governo dice a e lei b e viceversa, sembra non abbia contezza alcuna della situazione… il controllo
    della sanità le va sottratto e restituito al Governo, i numeri non mentono oppure li hanno inventati le opposizioni?
    Ps
    Il vaccino antinfluenzale ancora non so dove farlo

Comments are closed.