SARONNO – “La Lega in Lombardia è sempre concretamente a fianco dei lavoratori e si attiva immediatamente dove occorre” dichiara il deputato Fabrizio Cecchetti, riferendosi ai due gravi casi della Timken di Brescia e della Gianetti Ruote di Ceriano.

Le vicende sono già approdate sul tavolo del Ministero per lo Sviluppo Economico e la Regione Lombardia è coinvolta.

“Non lasceremo soli questi 106 lavoratori della Timken, come andiamo avanti a sostenere i 152 operai dalla Gianetti Ruote di Ceriano Laghetto. Siamo con questi lavoratori e con le loro famiglie, la Lega farà di tutto per trovare una soluzione che salvaguardi questi posti di lavoro.”
Conclude Cecchetti, vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati e coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier.

“A ciò si aggiunge – conclude il responsabile cittadino Lega Lombarda Angelo Veronesi – il nostro plauso riguardo la scelta della vicina amministrazione di Ceriano Laghetto di fermare l’accesso per i mezzi pesanti nell’area della Gianetti ruote per evitare che qualcuno possa portare via i macchinari”.

Fondata nel 1880 a Saronno la Gianetti ruote ha oggi sede in via Stabilimenti a Ceriano Laghetto dove conta 152 dipendenti. Attualmente produce ruote per camion e per le celebri motociclette della Harley Davidson. E’ di proprietà di un fondo investimenti tedesco, che controlla anche molte altre aziende in svariati settori compreso quello dei giocattoli e del modellismo. E’ ferma dal 3 luglio quando è stata inviata la mail che annunciava lo stop dell’attività nello stabilimento cerianese e l’intenzione di procedere con il licenziamento collettivo.

QUI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA VICENDA

 

23072021

5 Commenti

  1. Tutti i leghisti in prima linea x accapparrarsi i voti. Tutte le occasioni sono buone. Il capo insegna

  2. La Lega e’ talmente vicina ai lavoratori che da mesi, per far contento Bonomi, voleva anticipare lo sblocco dei licenziamenti.

  3. Prima li affossano poi quando hanno la giusta visibilità mediatica,si ripresentano nascondendo che sono stati loro a volerlo lo sblocco dei licenziamenti…

Comments are closed.