COMO – BASSA COMASCA – Le Fiamme Gialle comasche, nei mesi scorsi, hanno condotto diverse attività rivolte alla tutela della legalità economico-finanziaria nonché alla prevenzione e repressione delle violazioni in materia di frodi agli incentivi nazionali introdotti per l’emergenza sanitaria, al fine di limitare, esclusivamente a chi ha diritto, l’utilizzo delle risorse destinate dallo Stato a sostegno del tessuto economico del territorio.

In particolare, i finanzieri comaschi hanno eseguito numerosi interventi ispettivi che hanno permesso di scoprire 21 irregolarità e portato alla denuncia, all’Autorità Giudiziaria competente, di 27 soggetti per reati di frode.

A fronte di oltre 2 milioni di euro di contributi controllati, è stata rilevata l’indebita percezione di oltre 1.500.000 euro, di cui 869.000 euro di finanziamenti assistiti da garanzia con la conseguente denuncia dei responsabili per violazioni di natura penale. Inoltre, sono state avanzate proposte di sequestro, al vaglio delle competenti Autorità Giudiziarie, per un ammontare di oltre 1.200.000 euro.