SARONNO – Gran mobilitazione lunedì mattina verso le 11 per una saronnese che al secondo piano di una palazzina di via San Cristoforo si era chiusa in casa. In realtà non trattava di un problema domestico o di un malore ma di una semplice lite di famiglia. La donna non voleva, infatti, far rientrare in casa il marito. Sul posto sono accorsi una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Saronno, una pattuglia dei carabinieri e un’ambulanza della Croce Rossa. In realtà non sono stati necessari particolari interventi. La mobilitazione creata ha riportato la saronnese a più miti consigli e ben presto ha aperto la porta d’ingresso facendo entrare le forze dell’ordine e il consorte.

Grande preoccupazione in zona a traffico limitato dove decine di persone vedendo arrivare la pattuglia dei carabinieri, l’autopompa dei vigili del fuoco e dell’ambulanza hanno temuto fosse in corso un incendio. In tanti sono arrivati in via San Cristoforo per cercare di capire che tipo di emergenza fosse in corso.

5 COMMENTI

  1. “In realtà” il lunedì mattina verso le 11 ….. quanta gente che non ha “In realtà” NULLA di meglio da fare!!!

  2. Questo articolo è davvero un’idiozia. Tanto non lo pubblicherai il mio commento, vero cara Saretta? In ogni caso, ti mando un bacio, lì dove piace a te …

SCRIVI UN COMMENTO

Pe favore, inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci qui il tuo nome