COMASCO – Controlli antidroga alle porte del Saronnese, nel fine settimana i carabinieri della Compagnia di Cantù hanno compiuto consistenti sequestri.

Per quanto riguarda lo spaccio nelle zone boschive, fra Parco Lura e dintorni, è stato arrestato in flagranza di reato un marocchino classe 1989, in Italia senza fissa dimora, irregolare sul territorio dello Stato: bloccato ed immobilizzato dai turori dell’ordine, è stato trovato in possesso di 31.4 grammi di hashish; 54.2 grammi di marijuana; e materiale per il confezionamento (il tutto posto in sequestro). Nella stessa operazione, è stato deferito a piede libero, per i reati di concorso in spaccio di sostanze stupefacenti e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere un comasco classe 1986, il quale, alla vista dei tutori dell’ordine, ha allertato i complici. È stato trovato in possesso di uno sfollagente artigianale in legno. Si è proceduto, inoltre, allo smantellamento del relativo accampamento creato ad hoc per lo spaccio di sostanze stupefacenti. Sempre per droga è stato denunciato un 28enne domiciliato a Lurate Caccivio, trovato in possesso di oltre 100 grammi di marijuana suddivisa in 8 panetti; un 31enne di Mozzate, trovato in possesso di oltre 50 grammi di marijuana; un 28enne di Cantù che aveva 5 dosi di marjuana per un totale di 10 grammi. Sono stati segnalati 11 clienti dei pusher, trovati con alcune dosi di cocaina, hashish e marijuana per uso personale.

24062018