LOCATE VARESINO / CARBONATE – Ha preso avvio l’altro giorno al tribunale di Como il processo nei confronti del libico di 35 anni, accusato di tentato omicidio nei confronti di un nigeriano, che aveva aggredito con un machete alla stazione ferroviaria di Locate Varesino-Carbonate sulla linea Saronno-Laveno di Trenord.

I fatti erano accaduti la sera del 14 dicembre 2020: il nigeriano, in Italia con documenti in regola, alle 20 venne colpito alla testa, riportando gravi lesioni mentre l’aggressore nella immediatezza riuscì a fare perdere le tracce, salendo sul primo treno di passaggio. Nei minuti precedenti aveva già minacciato alcuni passanti. I carabinieri della Compagnia di Cantù erano quindi risaliti al libico: venne rintracciato alcuni giorni dopo a Varese. Si tratta di un cittadino straniero in Italia senza permesso di soggiorno, occupazione e fissa dimora. Il libico deve rispondere di tentato omicidio, da chiarire durante il dibattimento al tribunale lariano i contorni dell’aggressione.

(foto archivio: carabinieri alla stazione centrale di Saronno)

21012022