SARONNO – Un’immagine di una vecchia schedina del Totocalcio con la partita Parma-Saronno, una foto del sindaco Luciano Porro che festeggia il passaggio in serie D, i volti dei calciatori che hanno fatto la storia del calcio in città e una carrelata di mancati presidenti: sono i flash lanciati dal profilo Fbc Saronno nato sul social network Facebook nel marzo scorso e che dallo scorso 7 giugno ha iniziato a postare messaggi per promuovere la rinascita del team cittadino.

Fondato nel 1910 con uno scambio con la storica società dello Sheffield Wednesday il team saronnese ha vissuto moltissime traversie arrivando a giocare in C1,subendo diversi fallimenti. Tante anche le rinascite fino all’anno del centenario il 2010 quando dopo aver conquistato una tanto bramata promozione in serie D è sparito in seguito ad una fusione con la Gallaratese. Una scomparsa che ha lasciato l’amaro in bocca a tifosi e supporter che ogni anno tornano a sperare in una rinascita dello storico team.

Quest’anno ad aprire gli appelli è stato proprio il nuovo profilo Facebook che per prima cosa ha lanciato un appello per testimoniare l’attaccamento alla squadra ottenendo oltre 100 mi piace in poche ore. E’ stata poi la volta di un appello diretto e molto esplicito al sindaco Luciano Porro che riportiamo integralmente

Egregio Sig. Sindaco, caro Luciano. Sono ormai tre i campionati passati senza rivedere in campo l’FBC Saronno. Sappiamo tutti delle difficoltà economiche e del periodo non certo facile che stiamo vivendo, eppure nonostante ciò vediamo che in altre realtà si riesce ancora a fare calcio a buoni livelli come lo è stato per cento anni a Saronno. Ora penso che nessuno pretende che l’amministrazione metta “soldi” per il calcio ( visto le cose più importanti e urgenti da fare ), ma almeno vi è la speranza che questa promuova e renda fertile il terreno per l’arrivo di persone capaci, volonterose e anche solide nelle idee e nelle risorse a cui affidare il nome ( che è di proprietà del comune ) FBC Saronno. Insomma quello che si chiede è una specie di promozione del nome e del marchio, andando a cercare e contattare chi davvero può far fare il salto di qualità al calcio saronnese, e questo può essere fatto a costo zero. Il supporto c’è basta vedere quante persone si sono affacciate a questa pagina in solo 12 ore di vita. Un Saluto e Buon Lavoro.

Ieri l’ultima provocazione con un collage di imprenditori che da Augusto Reina a Gianfranco Librandi considerati “presidenti mancati”. Un’iniziativa inedita che riaccende i riflettori sull’indimenticato Fbc Saronno tenuto vivo anche dai raid degli ultras che spesso usano i muri dello stadio comunale e spray azzurri e neri per urlare la propria voglia di un team biancoceleste.

12062013

 

13 Commenti

  1. …che palle. Non rendersi conto che il calcio “minore” a Saronno è morto da tempo, 100 mi piace su Fb non si negano a nessuno. E poi che c’entra il comune, è già tanto che la comunità si addossi i costi dello stadio. Piò non piacere, ma è così

  2. Caro Cittadino, in una comunità come la nostra medio-piccola il calcio cittadino è importante; vuol dire aggregazione, iniziativa, voglia di fare…. cosa che probabilmente manca a te e al sindaco Porro.

  3. Cokme ex speaker del Saronno, io spero che ritorni il calcio che conta… in questa città non può esserci una seconda categoria, ma dobbiamo tornare ai fasti di un tempo.
    Silvia

  4. infatti nessuno vi nega di aggregarvi, fate benissimo, ma non potete pretendere che parte delle mie tasse vadano al Fbc Saronno.
    Trovate sponsor privati, e ammesso che li troviate procedete pure.
    Per quanto riguarda la voglia di fare, non tutti si siedono allo stadio pensando di fare sport. Forse è meglio destinare le scarse risorse a qualcosa rivolto ai giovani che vogliono fare sport.
    P.s.: ringraziate la televisione che ha ucciso il calcio minore.

    Del calcio cittadino, inteso come Fbc Saronno, molto francamente non frega niente a nessuno a Saronno…detto in maniera brutale, ma pure dovete rendervene conto al di la delle parole di circostanza di qualunque amministrazione .

  5. ma quante storie!! in Saronno è possibile praticare tanti sport e non solo il solito banale calcio (che se uno vuole può sempre praticare al parco!), ci sono tante associazioni sportive oltre a corsi vari, la piscina e la Robur.
    I comuni non hanno soldi, dovremmo essere grati di quanto viene già fatto invece di criticare sempre e proporre progetti irrealizzabili..

  6. Ritengo un’ottima idea la creazione di una pagina facebook sul tema della rinascita dell’FBC Saronno.
    La questione è stata comunque trattata più volte, anche sui vari social, senza mai ricevere risposte incoraggianti per il Saronno Calcio. Dal canto mio spero che l’Amministrazione, a costo zero, riesca a dar voce a questa pagina facebook, attirando le attenzioni sul problema dell’FBC!!!

  7. 1°: il Comune non deve spendere un euro per la rinascita dell’Fbc, nessuno lo chiede e nessuno lo vuole…quello che deve fare è proporsi da collante per unire persone in un serio progetto tantopiù che mi risulta sia depositario del nome e del logo
    2° a me bastano le vecchie care 1500 persone (con punte di 2000-3000) su 40000 abitanti che si interessino all’Fbc…non pretendo che gente come “cittadino” si affezionino alla nostra squadra
    3°esistono tanti altri sport, verissimo….ma ognuno pensa al suo sport preferito e alla propria squadra del cuore…non è colpa mia se a vedere le altre squadre cittadine ci vanno poche decine di persone….
    4° non si chiede nessun progetto irrealizzabile…si chiede solo che ritorni il nome dell’FBC Saronno in una categoria ai limiti della decenza

    Avanti Saronno, avanti Fronte Ribelle….anche senza squadra PIU’ VIVI CHE MAI!!!

  8. Son “digiuno” di calcio Saronno, ma mi dispiace che la mia città non abbia una squadra degnamente rappresentativa! …pensa che i vicini di Caronno li ho visti più volte nominati sulle pagine e ..Saronno mai una volta!!! … a proposito, complimenti all’amico Sala Antonio, …pensa te! da ragazzi si giocava insieme a Sant’Antonio, e oggi giunge la notizia che è il “nuovo” allenatore del Mantova …il “ricciolino”, per la sua capigliatura che strada ha fatto…. ma l’FBC Saronno… oggi non esiste più, e questo mi spinge nello sconforto. …colpa di chi?

  9. Spero ch il sindaco apra un discussione proficua per il futuro dell fbc. Ovvio che non deve spendere una lira soprattutto in questo momento. Certo è che non deve al contrario intralciare possibili investitori come fece la vecchia amministrazione che non andò incontro alla possibilità di ampliamento dello stadio sancendo in parte il declino del calcio amaretto.

  10. @ale….cioè il Comune non deve spendere una lira (un euro per precisione) ma deve ampliare lo stadio?? perchè se non ricordo male questo era quanto si voleva, già sono stati buttati i soldi della rete wireless (che fa il paio con quelli buttati per Saronno wi-fi)

  11. Faccio fatica ad intervenire perchè la parola FBC Saronno provoca in me ancora sconcerto e dolore. Certo però che da quanto scritto da “cittadino” non posso fare a meno di affermare che il personaggio o ci è o ci fa. la questione dello stadio è vecchia di venti anni. Allora Il presidente del Saronno Enrico Preziosi chiese di poter avere a disposizione lo stadio e il vecchio tennis club per poter ampliare lo stadio, fare una palazzina per la residenza dei giocatori ( dove ora c’è la pista inutilizzata e rotta del pattinaggio ) e fare una club haouse con ristorante ( in seguito costruita dal comune stesso e data in affitto ad una società appositamente creata ). L’amministrazione di allora per motivi a noi sconosciuti non accettò (siamo periodo Tettamanzi) la proposta e come dice Ale .. sancì in parte il declino del calcio a Saronno. Oggi invece nessuno ha detto che il comune deve mettere soldi per il calcio, solo “cittadino” con un mirabolante gioco di parole e con paragoni che nulla hanno a che vedere col calcio, parla di soldi pubblici e volutamente prova a fomentare e/o far cadere il dibando cercando di mettere il dubbio nelle persone. Caro “cittadino” nessuno vuole che il comune metta un solo euro, ma permetta ai tifosi indipendentemente che siano tanti pochi e alle persone che vorrebbero vedere una squadra di calcio a Saronno di poter sperare in una rinascita dell’FBC. Forza Saronno

  12. non sono così convinto che il comune non ci abbia rimesso nel passato…considerando tutte le spese dirette e indirette. L’unica proposta seria è l’acquisto/gestione diretta dello stadio (e comunque nominare Preziosi mi fa venire l’orticaria, non so come mai 🙂 …… Il declino del calcio minore, non prendiamoci in giro, è dovuto all’avvento della televisione che ha portato nel salotto di casa mia le squadre di calcio di serie A italiane e straniere in diretto. E chi mai andrà a vedere dal vivo una partita di calcio?? se questo vale per le squadre maggiori, figurarsi per le minori.
    Non capisco visto che non chiedete soldi perchè chiamate in causa il comune, non c’è un ricco imprenditore disposto a investire?? non vi suona strano???

  13. Ci sono delle cose da chiarire e’ vero che una seconda categoria e’ ununa cosa brutta per una citta’ come Saronno. Ma carissimi la situazione economica e’ una realta’ che viviamo tutti sulla pelle.Noi abbiamo iniziato mettendo il seme e pian piano con cura cerchiamo di dare forti radici ad una pianta che sta crescendo. Voglio essere cattivo dicendo a taluni se per amore del proprio Saronno verrebbero gratuitamente a dare un aiuto vero tutti i giorni del campionato. DICO A GRATIS! BENE! Noi stiamo tentando di costruire una grande famiglia di volontari per amore del calcio saronnese. Fino ad oggi tutti Presidenti passati hanno cacciato un sacco di soldi per amore del calcio ma poi…..alla fine deserto del Ciad. Personalmente vorrei costruire solidita’ per dare certezze future. La soria vogliamo la categoria e poi come meteore sparisce titto deve finire. Il calcio sta cambiando specialmente quello minore. ..basta mercenari che amano la propria squadra se vengono pagati.Presidenti con capitali da buttare non ce ne sono piu’ , altrimenti non si spiega queste continue chiusure di tante societa’calcistiche. Abbiamo iniziato un percorso con solide basi di gestione ed il futuro puo’ sorriderci. Certo chi ha piantato il seme insieme a me ha bisogno di fiducia.Librandi e altri hanno grosse aziede e il loro cruccio in questo momento e’ quello di poter dare le buste paga ai propri dipendenti. Date fiducia ad un gruppo di persone che da un anno stanno facendo bene siutate ad annaffiare il seme piantato con buone azioni di sostegno. Abbiamo bisogno di volontari col cuore in mano. .. Che hanno voglia di collaborare senza chiedere denaro anche per vendere i biglietti d’ingresso. Saro’ odiato per quello che ho scritto ma voglio ricordarvi che l’impegno di tante persone deve essere gratificato col vostro aiuto. Si potra’ avere una categoria con persone che sostengono la Societa’ con il VOLONTARIATO. NON UCCIDETEMI VI ASSICURO CHE LA BUONA VOLONTA’ E’ IN TUTTI NOI PER UN SARONNO MIGLIORE!

Comments are closed.