SARONNO – Ci hanno provato a Natale ed avendo fallito miseramente sono tornati alla carica all’Epifania impossessandosi di poche monetine ma lasciandosi alle spalle danni per diverse centinaia di euro. Il riferimento va ai ladri che hanno preso di mira l’ex Casa del Gelato in piazza Cadorna.

Ultimo colpo è stato messo a segno nella notte tra lunedì e martedì quando, poco dopo le 2, è scattato l’allarme dello storico bar che recentemente ha cambiato gestione. I proprietari sono arrivati in pochi minuti giusto in tempo per vedere 4 stranieri davanti alla vetrina al bar allontanarsi appena in via Diaz è comparsa l’auto dei titolari che con i fari hanno illuminato la zona.

Gli autori della spaccata hanno mandato in frantumi l’ultima parte della vetrina ed entrati nel locale di sono impossessati delle poche monetine contenute nella cassa.

Un tentativo di effrazione era stato messo a segno prima di Natale quando però i ladri non erano riusciti a sfondare il vetro.

E’ la sesta spaccata messa a segno nell’ultimo mese in città ai danni di attività commerciali. Nel mirino sono finiti la sala scommesse di via Caronnila gelateria di via Padre Monti, il bar di via Ferrari, il Big Ben di via San Giuseppe e il bar cafferino di via Pagani. Prima di Natale c’era stata anche una dura presa di posizione dell’Ascom cittadina che chiedevano all’Amministrazione comunale di intervenire e martedì il sindaco Luciano Porro ha annunciato di aver scritto una lettera al comandante dei carabinieri Giuseppe Regina per farsi portavoce della preoccupazione dei saronnesi.

08012013

11 Commenti

  1. eddunque, Luciano!!! Vedo che non basta il tuo GRIDO DI DOLORE, quindi sarà il caso che si prendano altri provvedimenti, magari impegnado la Polizia Locale verso un capillare controllo del territorio nelle ore serali e notturne. Ci sono troppi agenti negli uffici a fare lavori che potrebbero essere svolti anche da semplici impiegati, occorre una diversa visione dell’attività lavorativa dei dipendenti comunali e occorre con urgenza mettere mano all’organizzazione del lavoro. Il problema sicurezza ESISTE!, non puoi continuamente negare l’evidenza! Quindi …. dass da fà!

  2. Serve un commissariato di polizia in centro o, in alternativa, piu’ carabinieri e finanzieri che pattuglino le strade la sera e di notte.
    Spostiamo le forze dell’ordine da dove sono in esubero a dove servono realmente.
    Sig. Prefetto, Saronno e’ veramente sicura come dice lei ?

  3. sono sicuro che sono sempre gli stessi a fare queste “spaccate” notturne.. non credo affatto ad una Saronno improvvisamente piena di delinquenti ma credo semplicemente ad un gruppetto che si aggira per le strade e attua lo stesso genere di furto.
    La parte più difficile per la polizia è quella di trovare l’indizio che permetta di identificarli.

  4. Magari usare le forze dell’ordine in borghese e controlli mirati nei soliti luoghi che ormai sono di dominio pubblico…. Ormai Carabinieri e Polizia Locale dovrebbero conoscerli e, se ancora non lo sanno, bisogna consigliarli di uscire dalle loro macchine o caserme mobili e fare quattro passi alla scoperta di questi luoghi; che non sono “COMUNI” ma “COMUNALI”……

  5. Tanto per cambiare stanotte in barba alla massiccia presenza delle forze dell’ordine in via P.L.Monti hanno tentato di entrare nel negozio di telefonia Wind,tagliando la grata,fortunatamente il titolare che abita sopra sentendo i rumori è riuscito ad allontanarli.Saronno sicura,Luciano DISCANTAS….

Comments are closed.