25022015 bici rubataSARONNO – In stazione, dalle rastrelliere della ztl o a quelle dei cortili in periferia i ladri di bicicletta colpiscono un po’ ovunque in città ma l’ultimo furto, per cui è stato anche attivato un tam tam sui social network, è avvenuto in una location insolita: il cortile interno dell’ospedale di piazzale Borrella.

A sparire una Dolan Precursa nero con ruote Ambrosio una bicicletta particolare e decisamente “appariscente” che è sparita mentre era posteggiata davanti al padiglione verde dell’ospedale cittadino.

E’ successo lunedì sera quando il proprietario della due ruote è stato all’ospedale dalle 14,30 alle 19 e quando è uscito non l’ha più trovata ed è stato costretto a fare ritorno a casa a piedi.
E’ subito scattata la segnalazione sui social network: il giovane ha postato una foto nella speranza che si trattasse di un furto d’uso e che la propria bicicletta venga abbandonata e magari notata e ritrovata.

Recentemente in città sono state promosse da Fiab alcune iniziative contro i furti di bicicletta, quasi uno al giorno secondo una delle ultime statistiche diffuse a Saronno. Sono stati organizzati incontri formativi sulla sicurezza delle due ruote ed è stato promosso anche un evento in piazza per targare le biciclette.

25022015

11 Commenti

  1. ….. Ma che ambientino c’e’ a Saronno e dintorni…. La cronaca nera e’ fiorente , ne reportate di tutti i colori ogni giorno !!!
    Se uno pensasse di trasferirvisi, potrebbe avere qualche ripensamento .
    Vero è che altrove non è molto meglio , comunque ad meliora …..

  2. Cercala che la ritrovi, ce l’avranno in uso i soliti sbandati nullafacenti che vagabondano per le strade della nostra città.
    La scorsa estate era successo anche a me, l’ho cercata e trovata, ho chiamato i carabinieri che sono intervenuti tempestivamente, inseguendo il ladro e recuperando la bicicletta.
    Non arrendiamoci, ognuno di noi deve dare il proprio contributo alla vivibilità e alla legalità della nostra città!
    Non arrendiamoci, non ci facciamo sottomettere da quattro balordi sbandati!

  3. Chissà mai chi sarà stato? Sicuramente non si tratta di clandestini!!!
    Tutti a casa loro, non ne possiamo più!!!!!!

  4. quasi un furto al giorno ?!? … secondo me una decina di furti al giorno, per non parlare di quelle che vengono praticamente smontate e il cui telaio rimane legato per sempre, fatevi un giro intorno alla stazione e ne vedrete di tutti i tipi.
    Saranno gli extracomunitari a rubarle? … noooo, rubare è reato e loro non delinquono, si stanno piano piano “integrando”, diamogli tempo.

    • Occorre rafforzare la vigilanza !!

      Ci vuole più servizio preventivo e collaborazione attiva della cittadinanza perché segnali le persons sospette , non abbia paura di ritorsioni ( se no e’ omerta’ mafiosa)

      • tranquillo, nessuna omertà, nessuna paura di ritorsioni e piena collaborazione con le forze dell’ordine che ormai saranno stanchi di vedere il mio numero sul centralino.
        Il problema è che le nostre leggi assurde vanificano tutto, anche quando riescono ad intervenire o scatta la “denuncia a piede libero” o vengono “rilasciati dopo qualche ora”.
        Dobbiamo cambiare mentalità e manico (votate bene!!!)

  5. a me ne hanno rubate 5, di cui una in garage…sì perchè mi hanno aperto anche il garage. Non se ne può più!

  6. Uh uh c è qualcuno????vi ricordate la particella di sodio che era solo nella bottiglia di acqua?!?! Io dico: c è qualcunooooooo con un pò di cervello in comune che riesca ad amministrare la città???c’è qualcunoooooooo…..sindacooooo che pensiiiiiiiiiii

  7. Quando ci saranno le prossime votazioni , si provi a cambiare facce !!!
    Chissà mai che qualcosa cambi,ma attenzione :
    informarsi bene su chi si vota , il curriculum vitae deve essere presentato agli elettori che hanno il dovere ,per proprio interesse ,di controllare se è veritiero.
    Il candidato a qualsiasi attivita deve possedere i requisiti di preparazione (professionalità)e di moralità irrinunciabili .
    Non deve essere un politico ,rappresentante di un partito o movimento popolare e basta.

  8. La quaestione non è risolvibile a livello locale, bisogna smettere di andarli a prendere sulle coste libiche e rimpatriare tutti quelli che sono qui e non lavorano. Come sempre, quando ci sono migrazioni di popoli, i primi che arrivano sono i ladri e i criminali che al loro paese se la vedrebbero brutta e qui invece trovano “accoglienza” leggasi bengodi.
    Rimandiamoli tutti a casa loro, di criminali ci bastano i nostri!
    Bastaaaaaa!!!

  9. Non se ne può davvero più. Sono davvero stanca. Spero al più presto di potermene andare da questo posto, o che almeno cambi qualcosa.

Comments are closed.