SARONNO – Quattrocento persone tra militanti, simpatizzanti e curiosi, un centinaio di contestatori, un’ottantina di agenti delle forze dell’ordine per una visita di una quarantina di minuti: sono i numeri della visita di Matteo Salvini segretario federale della Lega Nord nella città degli amaretti a sostegno della candidatura di Alessandro Fagioli alla testa della coalizione con Fratelli d’Italia, Saronno Protagonista e Doma nunch.

Il pomeriggio è partito intorno alle 14,30 quando davanti al gazebo allestito in piazza Volontari del Santuario dalla Lega nord sono arrivati i primi contestatori. La protesta era stata annunciata sui social network con la creazione dell’evento “Salvini vattene” ed infatti è proprio questo lo slogan riportato sullo striscione srotolato dagli antagonisti. Ai contestatori si sono ben presto aggiunti alcuni attivisti dell’altra Europa di Tsipras che con cartelloni, che hanno indossato come uomini e donne sandwich distribuendo una lettera aperta sul tema dell’immigrazione dal titolo emblematico “Tutta Saronno in fondo al mare” con critiche a Salvini “oggi è nostro sgradito ospiti uno dei protagonisti di politiche anti-umane”.

I toni hanno incominciato a salire intorno alle 16 quando, divisi da una fila di carabinieri con caschi e scudi, le due parti si sono affrontate a colpi di cori. Nel frattempo piazza Volontari del Sangue ha iniziato a riempirsi con gli attivisti della coalizione, giovani padani arrivati da tutta la provincia e tanti curiosi. Alle 16,30, puntuale sulla sua serrata tabella di marcia, è arrivato Salvini che appena sceso dalla macchina è stato avvolto dal calore dei militanti. A fatica, dopo una breve intervista con i giornalisti (a cui ha spiegato la scelta di non essere a pulire a Milano e ribadito le accuse ad Alfano e Pisapia su quanto accaduto il primo maggio) ha raggiunto una panchina dove è salito e con un megafono ha tenuto un breve discorso introdotto dal candidato sindaco Alessandro Fagioli.

Con poche frasi Salvini ha infiammato la piazza che non ha lesinato cori ed applausi. Non sono mancate le frecciate ai contestatori a partire da un “anche a Saronno avete i centri sociali?” e inviti ad “andare a lavorare”. I temi trattati sono stati quelli della sicurezza, dell’attenzione “prima ai saronnesi, ai lombardi e agli italiani” per quanto concerne le case popolari e i posti negli asili nido. Affondi su Boldrini e Renzi “che spero restino presto disoccupati” e sulla legge Fornero “che in caso di vittoria elimineremo al più presto”.

Non è mancata la volata al candidato sindaco: “Votate Fagioli per dire basta ai danni fatti da cinque anni di sinistra. Votate Fagioli perchè anche se non abbiamo la bacchetta magica noi della Lega lavoriamo per portare più sicurezza e lavoro nelle nostre città. Sono disposto a tornare una, due, cinque, dieci volte per portare anche qui il cambiamento di cui ha bisogno la città”.

Dopo un applauso Salvini ha tentato di raggiungere il gazebo ma senza successo: centinaia di militanti e simpatizzanti hanno letteralmente preso d’assalto la panchina su cui ha tenuto il discorso e sono stati necessari oltre 15 minuti per coprire poche decina di metri. Giovani e meno giovani l’hanno circondato un selfie, un autografo o una foto ricordo. Dopo una breve intervista, sempre con sottofondo cori e fischi dei contestatori, Salvini ha ripreso un tour di selfie, foto ed autografi e con molta fatica è arrivato all’auto su cui è salito ripartendo alla volta di Samarate.

Anche se un massiccio spiegamento di forze ha tenuto lontani i contestatori, grazie ad un cordone di carabinieri e guardia di finanza, non sono mancati gli attimi di tensione tra i militanti della Lega e gli attivisti di Tsipras, allontanati da alcuni presenti e dal comandante della polizia locale Giuseppe Sala e una scaramuccia verbale con alcuni ragazzi prontamente sedata sul nascere dalle forze dell’ordine.

56 Commenti

  1. per riempire la piazza hanno dovuto far arrivare tutti ileghisti della provincia. complimenti

    • io c’ero, da curioso! 300 persone per riempire l’angusta piazzetta e se si considera che tutto lo stato maggiore della lega era presente più tutti i simpatizzanti delle liste collegate (un centinaio di persone) la maggior parte degli altri pro lega venuti da fuori Saronno, una sessantina di contro a protestare, un’ottantina di forza dell’ordine, una ventina di saronnesi curiosi come me …a questo punto direi che anche Fagioli, dopo Gilli, non sarà il nuovo Sindaco di Saronno. La risposa dalla piazza saronnese non c’è stata: amara considerazione per tutta la famiglia Fagioli (ciao Ennio) e per tutta la Città, che ha bisogno di una svolta, ma non sarà “legata” né alla Lega né al l’ex sindaco emerito. Comunque onore al merito per averci almeno provato.

      • Se tutto il suo sproloquio/analisi/valutazione è pari alla conoscenza del nome del padre del candidato sindaco… ritenti: sarà più fortunato.
        Le sue parole hanno poco peso, non so se mi spiego…

  2. certo che un salvini che dice agli altri di andare a lavorare quando lui non sà nemmeno cosa sia mentre è pagato profumatamente per farlo. la dice lunga su che tipo di uomo sia

  3. complimenti alla Lega di Salvini, mi sa proprio che sara’ l’ultima speranza per l’Italia e per Saronno.

    • 300 tutti, ma si consideri le forze pervenute dai paesi vicini. di saronno , solo i candidati e lo zoccolo duro leghista, cittadini interessati pochissimi, curiosi …non pervenuti.

  4. Ero in piazza con un cartello contro il razzismo, dissenso civile contro chi gira le piazze a seminare odio e razzismo, contro chi manifesta a Roma con Casa Pound.
    Ho visto non più di cento persone accogliere Salvini.
    Diversio curiosi e almeno due gruppi di contestazione alla sua presenza.
    Ho visto anche qualche braccio alzato nel saluto romano (perseguibile per legge nel nostro paese nato dalla Reistenza)…
    Salvini dovrebbe vergognarsi a assecondare simili pulsioni antidemocratiche.

    • eh mi sa che allora hai visto davvero male perché vedendo le ultime due foto in fondo che non coprono nemmeno tutta la piazza direi che i numeri sono decisamente tripli rispetto a quelli che hai dato tu. Sul resto non parlo perché non c’ero….

      • purtroppo per la Lega i numeri son numeri, e ripurtroppo per loro …non ci sono, questa è l’evidenza per Saronno.

      • Il magico mondo di Matteo Salvini
        Il nuovo leader in pectore del centrodestra Matteo Salvini appare in tv più di Obama, papa Francesco e Matteo Renzi messi insieme. Si è al sicuro solo nei cartoni di Peppa Pig, almeno per ora. Comunque uno dei suoi mantra preferiti è invitare i rassegnati telespettatori ad informarsi attraverso internet sulle iniziative della Lega, sulle mancanze del governo, sulle miracolistiche soluzioni che illustri (?) studiosi hanno immaginato per risolvere il problema degli immigrati.

        Basta digitare su Google le parole che il leader ci consiglia e il magico mondo di Matteo Salvini ci si svela in tutto il suo splendore.

        E allora invito anch’io a digitare le parole Salvini, youtube e napoletani, avrete modo di conoscere la squisita raffinatezza culturale dell’astro nascente della politica italiana.

        L’audio non è perfetto, mi permetto di aiutare i volenterosi con i sottotitoli del simpatico coro cui partecipa il Matteo padano: “Senti che puzza / scappano anche i cani / stanno arrivando i napoletani. O colerosi, terremotati /con il sapone non vi siete mai lavati”.

        Era il 13 giugno 2009 ed eravamo a Pontida. Il 28 febbraio 2015 in trasferta a Piazza del Popolo il leader ha dimostrato di essere culturalmente maturato mandando chiunque non la pensi come lui – diciamo – a quel paese. Però è diventato un abile politico intuendo che in un periodo di crisi ci si assicura un facile consenso elettorale ravanando tra le paure ed i peggior istinti di chi soffre di più, altro che dio Po e Secessione.
        Ma soprattutto ha imparato la prima cosa che ogni buon politico deve sapere. Mai chiedere scusa.
        Luca Olivieri

        • Pontificatore della tastiera, ti sei almeno candidato alle elezioni di fine mese?
          Facile criticare senza fare mai nulla.
          Sei pronto a spendere la faccia, se non la vita, a favore della tua gente?

    • Minimo minimo 500/600 persone alle 17
      lenti a contatto forse serve un impegnativa per visita oculistica… boh!

  5. I democratici di sinistra .. Sempre aperti al dialogo e alla libertà di opinione da parte di altri esponenti politici… E hanno il coraggio di dare dei ‘fascisti ” a chi non é dalla loro parte, pero’
    Meditate gente

    • in che senso? Nel senso che i contestatori hanno avuto paura di qs gruppo e quindi non hanno fatto confusione?

  6. sicurezza a Saronno?????
    mi sbaglio o la regione Lombardia è amministrata dalla Lega.
    Che cosa sta facendo per la sicurezza????

    Assolutamente NULLA.

    Prendete a riferimento la mitica Lazzate. Roccaforte incontrastata della lega.

    Andate a vedere quotidianamente quanti furti negli appartamenti avvengono

    li la Lega la fa da padrone…..e dove sono i risultati????

    Come al solito parole…parole…e ancora parole.

    Ma quanto è costato al contribuente italiano la presenza delle forse dell’ordine per difendere un personaggio così falso e ipocrita???

    • Di certo quelle che definisci “forse dell’ordine” hanno avuto meno da fare con loro che con i tolleranti black block a Milano o contro i simpaticoni del Telos.

  7. ero lí, non so in quanti fossimo ma sempre piú di quei 4 poveri antagonisti che si professano democratici mentre si sono dimostrati tutt’altro. E i soliti slogan triti e ritriti. Mi hanno proprio fatto pena.

  8. Direi che è stata mostrata tutta la pochezza della politica di oggi, chi viene in piazza a urlare, ma concretezza zero, chi lo inneggia chissà poi per cosa, chi lo contesta e quindi gli dà notorietà, chi addirittura lo minaccia, e non si fa ognuno ha le sue idee… e ancora una volta agenti di polizia che sarebbero potuti essere utilizzati meglio per altri compiti, di cui a Saronno c’è un gran bisogno.
    Questa continua divisione, litigare, urlare… questa non è politica, ma come si fa a votare così? Dov’è la serietà?

  9. Gli amici dei devastatori di Milano e della feccia black block hanno ancora il coraggio di scendere in piazza a contestare qualcosa?!?

  10. se le persone fossero per bene, non servirebbe polizia. Purtroppo i fascisti rossi vestiti di nero anarchico debbono sempre contestare le pacifiche manifestazioni degli altri. Quando svolgono le loro di manifestazioni nessuno gli va a crear problemi. La prossima volta che quei furboni di tsipras terranno un banchetto verrebbe voglia di mettersi lì di fronte a volantinare e dargli dei traditori perché si interessano sempre più agli stranieri che non agli italiani.

  11. Ma cosa pretendete da gente che ancora oggi dopo 70 anni si ricorda solo della resistenza. E per quanto riguarda la Costituzione suggerisco una rilettura attenta: l’apologia del fascismo non e’ l’unica cosa vietata.

  12. sono seriamente preoccupato! non vedo commenti di RobinH…sarà a casa a contare la gente foto per foto?
    nulla comunque, confronto alle migliaia di persone ad attendere Licata/Serracchiani… ahahahahah

    • non c’è bisogno di contare le foto: è stato un errore tattico dei contestatori di Salvini andare in piazza a riempirla, altrimenti….il bagno di folla alle 17, anzi prima, tornava a casa.Un successone

  13. Scusate ma…Matteo Salvinho è venuto a Saronno in treno? Bici? Oppure con una bella auto blu con tanto di scorta? Lega sprecona il popolo non perdona!!!

    • Lega sprecona?
      Guardi che se non ci fossero i democratici e pacifici anarchici a tentare di spaccare la testa al segretario federale, Salvini andrebbe volentieri in giro con la sua utilitaria come ha sempre fatto. E come fanno tutti i parlamentari della Lega Nord senza tanta scorta al seguito.
      Ha bisogno di un’auto blindata, pagata dalla Lega Nord al pari della scorta, per colpa dei “fascisti rossi” che lo seguono ovunque nel tentativo di farlo fuori: ricordate l’assalto a Bologna con le spranghe contro la vettura blindata?

      • Dai anonimo che difende Salvini…spiegaci allora i soldi del Trota e gli investimenti sporchi in Tanzania…colpa degli anarchici??? Daaaaiiiii..va che la biblioteca è aperta puoi andare a studiare gratis

        • Vado in bibioteca, ma vedo un gran numero di svogliati che fumano e bevono stravaccati nel cortile interno. Tra questi anche qualcuno dei democratici anarchici telosini.

  14. Ahahahahahahah eccoli qui sopra alcuni dei nostri buonisti saronnesi. Tutti contro il razzismo …ma ce ne fosse uno che offrisse a questi immigrati il PROPRIO posto di lavoro o un posto in casa PROPRIA invece di lasciarli in mezzo ad una strada in condizioni poco dignitose. Invece di parlare di razzismo, perchè non provate a pensare alla vostra gente? Ai vostri concittadini? Al vostro Paese? Alle condizioni di molti degli abitanti della vostra città? Ai vostri giovani? In questo modo siete voi razzisti nei confronti della gente del VOSTRO Paese, nata a cresciuta in Italia…che si ammazza perchè non arriva a fine mese, che è sommersa di tasse, che vive in condizioni pietose. Forse non ve ne rendete conto, ma se faceste certi lavori capireste davvero le condizioni di molti ITALIANI.

    • certo condizione pietose, poi a scuola e scopri che il 75 % dei ragazzi ha uno smartphone.Smettiamola con questa storia dei suicidi, che si contano (e da sempre per le stesse ragioni sulle dita di una mano). Mi dici quale è stato l’ultimo suicidio a Saronno di imprenditore in stato fallimentare??

      • spiace che alla bisogna il suo mondo finisca a Saronno ed in altri post arrivi fino a Camberra e oltre…

      • Parlavo di PAESE..ITALIA per intenderci. E comunque sa, sono un’infermiera professionale e presto assistenza al domicilio…quindi vedo le condizioni in cui i suoi compaesani vivono …provi lei, anche soltanto un giorno, e poi ne riparliamo…purtroppo finchè si è abituati a vedere solo quello che si vuole non ci si accorge della realtà. Provi e mi dica.

      • perché hai mai visto un nordafricano clandestino senza lo Smartphone? (il problema è come se li procurano loro).
        I suicidi di imprenditori saronnesi sono pressoché impossibili visto che la razza è ormai estinta.
        Cmq il centrosinistra vincerà purtroppo le elezioni, Saronno sarà sempre più devastata da altri 5 anni di pessima amministrazione e tu potrai continuare a commentare contro tutto e tutti dando un senso alle tue serate… avrai la città che meriti.

  15. Questi telos, black block, centri sociali o come li si voglia chiamare sono tutti teppisti o peggio criminali ( lo hanno dimostrato a Milano, ammesso che ce ne fosse bisogno). Forza Lega, ricacciamoli tutti nei loro buchi assieme ai cladestini e agli spacciatori magrebini!

    • O meglio, come dice il signor Salvini…” non sono rivoluzionari ma teste di…..” e mi fermo qui!

  16. comunque è l’unico momento in cui ci sono solo Italiani in centro a Saronno…..sarà la presenza consistente di forze dell’ordine?…

  17. a quelli che danno del razzista a Salvini perche’ non si leggono il piano di Kalergi … veramente illuminante!! veramente interessante! purtroppo quello che sta accadendo ora!!

  18. ad ogni articolo che appare su questo sito le persone presenti per vedere salvini. se ne pubblicano altri tre arriviamo a mille

  19. Ad occhio e croce cari leghisti direi che se beccate il 10% vi va bene, siete proprio pochini pochini 🙂

  20. LA LEGA PRENDERA’ UN SACCO DI VOTI ..PERCHE’ I SARONNESI NE HANNO PIENE LE PALLE DEI CATTOCOMUNISTI E DELLE MINESTRE RISCALDATE… !!!

  21. Non sapevo per chi votare ma dopo che ho visto la piazza protestare il mio voto andrà a Fagioli. Per poi vedere al ballottaggio cosa succede. Se vincerà Licata me ne farò una ragione, tanto prima o poi lascerò Saronno.

  22. E comunque, questa volta l’ astensione sarà bulgara. Personalmente, anche se non mi piace politicamente, penso che anche un Impari possa essere relativamente forte. Stavolta l’ incertezza su Saronno è forte.

Comments are closed.