SARONNO – Con semplicità, una punta di simpatia e tanta tanta pazienza i nonni saronnesi hanno ancora una volta conquistato i piccoli saronnesi. Oggi pomeriggio, complice un pomeriggio soleggiato dopo due giorni grigi grigi, sono stati tantissimi i bimbi che, accompagnati da mamma e papà, hanno invaso il Museo dell’industriale e del Lavoro di via Griffanti trasformato in una sorta di luna park di esperienze manuali e dal sapore un po’ retro.

Ad accogliere i bimbi, molti dei quali sono arrivati con la carrozza a cavalli con partenza da piazza Libertà messa a disposizione dall’Avis Saronno, i responsabili dell’ufficio Cultura del Comune di Saronno che hanno consegnato ai piccoli partecipanti un sacchetto con la merenda.

Superata la porta del museo i “nipoti per un pomeriggio” si sono trovati subissati di proposte. Si poteva giocare a carte, imparare ad apparecchiare una tavola elegante, realizzare barchette ed origami di carta e tanti piccoli ricordini e regalini.

Apprezzatissime le attività manuali proposte dai nonni come riparare la gomma della bicicletta, realizzare scatoline o intagli di legno o guidare dentro radio e circuiti. Ottima la partecipazione anche agli stand delle nonne da quelli di decorazione a quelli dedicati al ricamo e all’immancabile preparazione della pasta fatta in casa.

A dare il proprio contributo anche i ragazzi dello Ial Lombardia che guidati da Samuele Calzari hanno insegnato ai bimbi come preparare deliziosi biscotti.

Le proposte proseguivano in cortile con i laboratori per imparare a lavare a mano, quelli per piantare fiori e quelli per sgranare le parrocchie. Terreno di gioco anche la storica locomotiva del Mils dove un gruppo di affabili nonne ha proposto ai bimbi attività come la scrittura con il calamaio o la dama.

04102015

1 commento

  1. Grazie per la fantastica manifestazione, inoltre un’occasione per far scoprire alle nuove leve una parte della storia saronnese.

Comments are closed.