22112014 saronno conferisce la cittadinanza italiana simbolica (6) augusto airoldi SARONNO – L’ex presidente del consiglio comunale Augusto Airoldi con un lungo intervento entra nel merito, in chiave regionale e anche locale, della delibera che verrà presentata durante il prossimo consiglio comunale, giovedì 12 novembre, con cui l’Amministrazione cittadina “esprimerà il suo sostegno al referendum per l’Autonomia della Lombardia come strumento di tutela del tessuto produttivo e sociale lombardo”

Ecco il testo integrale:

In principio fu l’indipendenza della Padania, ma ben presto (quasi) tutti compresero che si trattava di una bufala colossale.
Fu poi la volta della “devolution” e non le toccò miglior sorte.
Vennero quindi le elezioni regionali del 2013 e il candidato Maroni si sgolò promettendo un referendum per la creazione della “macroregione del nord” (Piemonte-Lombardia-Veneto). Ma terminata la campagna elettorale anche di questa pensata non si seppe più nulla.

Infine, Maroni, eletto Presidente, promise che la Lombardia sarebbe diventata una Regione a statuto speciale, salvo innestare l’ennesima retromarcia per manifesta incostituzionalità.

Una siffatta teoria di successi avrebbe ricondotto a ragione qualunque politico avveduto, non l’indomito Maroni. Infatti, il 17 Febbraio scorso, con il contributo determinante del M5S, ha fatto approvare dal Consiglio Regionale una delibera per la celebrazione di un referendum popolare consultivo che, la prossima primavera, potrebbe chiamare i lombardi a rispondere ad un quesito che suona sostanzialmente così:

«Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione?».

Quesito al quale, di primo acchito, verrebbe da rispondere positivamente.

Peccato che, qualsiasi risultato dovesse sortire dalle urne, non cambierebbe assolutamente nulla: la Lombardia non avrà più autonomia qualora vincessero i “si”, né, ovviamente, ne avrà di meno nel caso di vittoria dei “no”. In altre parole, non sarà sicuramente con questo referendum che la Lombardia riuscirà a valorizzare il suo ruolo o ridurre il suo “residuo fiscale” nei confronti dello Stato. Spiace dirlo, ma siamo di fronte all’ennesima bufala.

Se Maroni avesse realmente a cuore una maggiore autonomia Lombarda, si sarebbe mosso da tempo definendo in modo intelligente e concreto per quali materie concorrenti Stato-Regione chiedere più autonomia e avrebbe chiesto l’apertura di un tavolo di confronto con il Governo per arrivare a una “intesa tra lo Stato e la Regione”, esattamente come previsto dal dall’art. 116 comma 3 della Costituzione Repubblicana (che, per inciso, di referendum non parla). Invece no: per motivi meramente ideologici e di marketing politico, Maroni e la Lega Nord vanno dritti verso un Referendum che loro stessi sanno inutile e costoso. Danée trà via, detto in vernacolare.

Già, ma quanto costoso per i cittadini lombardi (saronnesi compresi)? Vediamo.

La Giunta Maroni stanzia a bilancio una prima posta di 30 milioni di euro a copertura delle spese referendarie. Ma, in Consiglio Regionale, la strampalata proposta rischia di non avere la necessaria maggioranza qualificata per essere approvata. Arriva quindi il soccorso pentastellato: i 5S votano a favore della delibera ottenendo in cambio che la consultazione si svolga con strumenti elettronici. “Questo meccanismo consente una maggiore economicità”, dichiara la consigliera Iolanda Nanni del M5S.

La paventata “maggiore economicità” si materializza in sede di assestamento del bilancio regionale 2015 quando l’Assessore (al bilancio) Massimo Garavaglia è costretto a stanziare ulteriori 19 milioni di euro per «l’adeguamento del sistema informativo contabile e regionale e delle procedure informatiche necessarie per lo svolgimento del referendum». Siccome, però, questi ulteriori 19 milioni Maroni non li ha, ricorre ad un mutuo bancario, sul quale, ovviamente, si pagheranno interessi e costi accessori.

Quindi: 30 + 19 + interessi e costi vari, non si andrà lontano dai 50 milioni di €. Contando la Lombardia 10 milioni di abitanti, la consultzione costerà 5 € per abitante, neonati non votanti compresi. Siccome a Saronno vivono circa 40.000 dei 10 milioni di lombardi, sulla città degli amaretti lo sfizio maroniano peserà per 200.000 € di possibili contributi regionali che non arriveranno più perché Maroni e la Lega Nord li useranno per pagare l’inutile Referendum.

Su questi presupposti, il Sindaco Fagioli, ha fatto iscrivere all’Odg del prossimo CC (12/11) una deliberazione di indirizzo con la quale impegna il Consiglio comunale di Saronno a “esprimere il suo sostegno al referendum per l’Autonomia della Lombardia come strumento di tutela del tessuto produttivo e sociale lombardo”.

Sarà interessante ascoltare come, lui e la sua maggioranza, argomenteranno a favore di tanto spreco di denaro pubblico. Non meno interessante sarà scoprire le ragioni della scelta di qualche gruppo di minoranza.

E’ probabile che la sponsorizzazione di questa inutile quanto costosa operazione sia il tributo politico che la Lega Nord saronnese paga alla casa madre. Ma Saronno non è amministrata dalla sola Lega Nord! Seppur numericamente non determinanti altre liste condividono questa responsabilità. Ma di fronte all’inutile spreco di 50 milioni di euro di denaro pubblico e, soprattutto, all’abuso di quel fondamentale istituto di democrazie diretta che è il referendum popolare, mi auguro che la coscienza personale prevalga sugli schieramenti politici e sulle convenienze di partito e il Consiglio comunale tutto sappia inviare in Regione Lombardia un messaggio chiaro contro ogni spreco, abuso e illusione.

Perché Saronno merita di più.

11112015

14 Commenti

  1. Airoldi unico in grado di dire qualcosa di sensato, perché non si è candidato? Facile pontificare adesso!

  2. a vedere come stanno andando le cose gli “alleati” contano come il due di picche a briscola

  3. Come se la Lega fosse una concessionaria di auto con la casa madre? Suvvia Airoldi si goda il meritato ripiso

  4. Saronno merita sicuramente più degli ultimi 5 anni di non amministrazione PD durante i quali Airoldi è stato presidente del consiglio comunale, a proposito di sprechi… chi è che adesso vorrebbe un referendum ( e quindi sprecare soldi pubblici) per la città metropolitana?

      • Io sono contento di questa amministrazione, cose normali, senza barinate. Nel contesto elettorale passato le alternative erano solo peggio.

      • I referendum sono spreco di soldi solo quando li chiede la lega? Fantastico, Airoldi torna nel loculo

      • Eh be, avessimo avuto Silighini sindaco niente referendum, ma un sondaggio come quello che dava lui sindaco con il 285% dei voti

    • non ho capito a proposito di non-amministrazione quali siano state le grandiose decisioni strategiche di questo sindaco e i suoi accoliti (a parte nascondersi per andare da Salvini a Bologna). A essere buoni n.p. (non pervenuta)

  5. Abbiamo la protezione civile che è costretta a rivolgersi ai privati per avere un po’ di attrezzatura, abbiamo le guardie ecologiche volontarie che di fatto non hanno mezzi per svolgere il loro lavoro di vigilanza volontaria, abbiamo in tutta la regione e in svariati comuni una polizia locale inesistente, non opera al di fuori dell’orario d’ufficio, non ha mezzi per pattugliare il territorio… e poi abbiamo i parchi naturali, alcuni “finti” dove si può tranquillamente sparare andando a caccia ma poi non ci sono mezzi per sistemare le strutture… Nel parco regionale Pineta, deve chiudere l’osservatorio di Tradate perché non ci sono i fondi per tenerlo aperto, se non ho capito male qualcosa come 35.000 euro l’anno, a fronte di migliaia di studenti che lo visitano ogni anno e che imparano molte cose.
    Cultura, sicurezza, ambiente, sociale… possibile che nessuno di buon senso si arrabbia di fronte a spese di questo genere per il NULLA? Non è questione di essere pro lega allora si accetta tutto, qui è questione di buon senso, come si fa ad accettare una cosa simile?

  6. Un’esposizione chiara semplice trasparente. Un pregio che chiunque ricopra per delega un ruolo pubblico connotato a svolgere l’attività amministrativa della città deve possedere, non omettendo di confrontarsi sempre con la propria coscienza di persona equilibrata. Purtroppo quando è in scadenza il pagamento di un” debito d’onore” o di “riconoscenza” al proprio “deus ex machina” che non ammette deroghe, ogni analisi su qualunque argomentazione viene condizionata e compromessa con evidenti ricadute negative. Il fumo in genere fa male alla propria salute ma le reboanti bufale diffuse con superficiale allegoria dal capogruppo della locale Lega Nord sul punto 4) dell’Odg del Consiglio Comunale del 12 novembre 2015 sono ancora più deleterie. Le nostalgiche ambizioni ideologiche di un passato obsoleto non possono essere riproposte con insistenza per farle coesistere in un labile sogno irreale. I Saronnesi hanno già lottato con grande sacrificio umano per conquistare la propria libertà e indipendenza da un oppressore, ma uniti difenderanno con decisione le proprie conquiste qualora si dovesse riconfigurare il pericolo di una inimmaginabile subdola oppressione.
    Coscienza Democratica per Saronno

  7. ma se sono così lucidi, bravi e preparati… perché hanno perso le elezioni ?!? …

Comments are closed.