Home Cronaca Ostello abusivo, il sindaco fa chiarezza

Ostello abusivo, il sindaco fa chiarezza

32
0

CERIANO LAGHETTO – Durante la scorsa estate, un blitz all’alba della polizia locale, effettuato unitamente ai militari dell’Arma dei carabinieri di Solaro, portò alla scoperta, in un immobile di via I maggio, di un “ostello” abusivo, gestito da un cittadino pakistano, proprietario dell’appartamento, che affittava in “nero” i posti letto ad alcuni extracomunitari. In quell’occasione, mentre i quattro uomini sorpresi a dormire, vennero foto-segnalati ed accompagnati in Questura per le operazioni di routine rispetto alle pratiche relative ai permessi di soggiorno, nei confronti del titolare dell’immobile, residente a Bregnano e non presente sul posto, vennero elevate sanzioni per un totale di oltre 1400 euro (360 euro per ciascuna persona trovata nell’appartamento e non segnalata come da obbligo di legge).

ceriano blitz anticlandestini (1)

“Ma – viene spiegato in una nota del Comune cerianese – i verbali con le relative sanzioni non furono mai ricevute dal destinatario, che respinse le raccomandate a suo nome. All’inizio della settimana però, lo stesso soggetto si è presentato in Comune a Ceriano Laghetto per una richiesta di residenza. La pratica, come prassi, è passata ai vigili per effettuare le opportune verifiche ed é a quel punto che sono emerse le sanzioni in sospeso a carico del richiedente residenza. Così l’uomo è stato convocato al comando di polizia locale ed in quell’occasione gli sono state notificate le sanzioni”.

“Questo episodio conferma ancora una volta l’attenzione assoluta che abbiamo a Ceriano Laghetto nei confronti dell’immigrazione irregolare e di tutto ciò di illecito che spesso ad essa è collegato – commenta il sindaco Dante Cattaneo – A Ceriano tolleranza zero per chi non rispetta le leggi e non si fa scrupolo di sfruttare persone disperate per arricchirsi illecitamente. Qui continueremo a tenere alta la guardia su questi fenomeni anche se molte altre istituzioni preferiscono voltarsi dall’altra parte”.

15022016