SARONNO – “Nessun commento fino alla fine della vicenda”: il segretario cittadino della Lega Nord Davide Borghi rimarca la posizione presa dalla sezione saronnese fin dalla conferenza stampa con cui le due associazioni milanesi annunciarono l’azione legale per i manifesti contro l’arrivo dei profughi a Saronno.

Si tratta di un’azione civile contro la discriminazione (in base al testo unico sull’immigrazione) sulle dichiarazioni comparse su manifesti e a mezzo stampa, con cui la Lega Nord di Saronno aveva attribuito la qualifica di clandestini ai richiedenti asilo che avrebbero dovuto arrivare in primavera nella sede staccata del liceo scientifico Gb Grassi di via Buozzi. In sostanza si fa riferimento ai manifesti, e ad alcune dichiarazioni rilasciate ai giornali, in cui il Carroccio saronnese sosteneva “Saronno non vuole clandestini. Renzi e Alfano vogliono mandare a Saronno 32 clandestini, vitto, alloggio e vizi pagati da noi nel frattempo ai saronnesi tagliano le pensioni ed aumentano le tasse”.

Nelle ultime ore, il giudice Martina Flamini ha stabilito che “l’associazione dei termini clandestini (ossia di coloro che entrano/permangono irregolarmente nel territorio contravvenendo alle regole sull’ingresso e il soggiorno) e richiedenti asilo (ossia di coloro esercitano un diritto fondamentale ovvero quello di chiedere asilo in quanto nel loro paese “temono, a ragione, di essere persguitati) oltre ad essere erronea ha una valenza denigratoria e crea un clima intimidatorio e ostile“ da cui la condanna della Lega Nord e della sezione saronnese “alla pubblicazione della decisione, a spese delle parti soccombenti, sia sul quotidiano locale “il Saronno” sia sul “Corriere della Sera” e al pagamento, a titolo di risarcimento, della somma di 5.000 euro per ciascuna associazione ricorrente oltre alle spese processuali.

Dalla risposta, o meglio dal no comment, della sezione saronnese facile immaginare l’intenzione in appello.

23022017

5 Commenti

  1. ottimo risultato.
    nella mostra” le mille e una rotta” abbiamo messo tante lingue con le offese e parole discriminatorie nei confronti dei migranti.” La lingua uccide piu della spada ” stava scritto a caratteri cubitali. questa sentenza ci da ragione e spero serva a riflettere con la testa oltre che con la pancia quando si parla o si scrive!!!

    • grazie a persone come Lei, Saronno e questo stato sono in condizioni disperate. La bomba sociale sta per esplodere.

  2. Saronno è molto migliore di così. E saprà accogliere i richiedenti asilo con rispetto e dignità. Perchè solo dal rispetto e dall’accoglienza operosa si può sperare di ottenere la pace sociale.

  3. E che deve commentare…..se non hai i documenti sei un clandestino. Lo sarei pure io se entrassi in territorio tedesco senza carta di identità

Comments are closed.