SARONNO – Le vie del mercato cittadino del mercoledì mattina si sono colorate… di giallo. Su input dell’assessorato comunale al Commercio, infatti, è stata realizzata la segnaletica orizzontale che delimita gli spazi destinati alle varie bancarelle, e sono stati anche numerati per avere sempre un quadro chiaro e completo relativamente alle presenze ed al corretto posizionamento degli ambulanti.

L’intervento di “tinteggiatura” non è completo ma ha già riguardato diverse delle strade interessate dal mercato, come via Vincenzo Monti.”In questo modo mettiamo ordine – fa presente l’assessore competente, Francesco Banfi – Tracciare la segnaletica di posteggio dei banchi di vendita era una necessità ovvia. Avere aggiunto la numerazione consente di ottenere un costante censimento sia per quanto concerne il posizionamento dei banchi e, alla fine del mercato, anche di controllo dei rifiuti, penso ad esempio alla corretta differenziazione degli stessi”. Il mercato saronnese del mercoledì mattina conta circa trecento banchi di vendita ed è fra i più grandi di questa parte della Lombardia.

05062017

10 Commenti

  1. E’ ormai un vezzo metodico di questo assessorato enfatizzare pomposamente e ampliare ogni iniziativa sia essa ludica che di normale attività. Infatti non rileva con evidente miopia la reale consistenza di un mercato cittadino, importante per il territorio ma che viene portato per l’eterogeneità degli stessi esercenti verso un inevitabile degrado perchè depauperato da una qualità merceologica sempre più marginale. E’ corretto censire le presenze degli operatori ma è ancora più efficace LIBERARE E SVUOTARE le vie cittadine da quelle bancarelle che ostacolano la percorrenza in sicurezza e che da anni nella giornata di mercoledì costringono i residenti a superare disagi ed impedimenti vari. Si potrebbero ottimizzare quegli spazi lasciati vuoti dagli operatori che hanno deciso di chiudere l’attività o che sono andati in altri mercati più redditizi.

    • Esempio di posizionamento pericoloso è la bancarella all’angolo tra Piazza Caduti Saronnesi e Via Carlo Porta. Costringe chi è diretto verso Viale Rimembranze a scendere dal marciapiedi e invadere la strada.
      Ho visto personalmente un bambino diretto a scuola sfiorato da una macchina. Qualche mese fa un mercoledi mattina ho segnalato la cosa ad un vigile di passaggio. Risposta: (Alzata di spalle) Lo sappiamo. sono 20 anni(!)che lo facciamo presente ma nessuno fa niente.
      PS: Sono stato verbalmente aggredito dal proprietario della bancarella preoccupato di perdere il lavoro….

  2. Al posto che favorire il commercio continui ad andare a aumentare la burocrazia…dove non serve, e, i problemi veri non li guardate. Si vede che di commercio e di lavoro forse non ne ha esperienza. Se uno non ne è capace, per il bene dei cittadini meglio lasciare il posto a qualcun altro, ma la poltrona è comoda eh eh eh eh!

  3. caro banfi da anni vengono segnati gli stalli del mercato con le righe gialle, nulla di nuovo sotto il sole come al solito. non prenderti meriti che non hai. piuttosto dì al tuo socio lonardoni di usare la vernice gialla per ridefinire gli stalli dei parcheggi dei residenti di via p reina e di via don guanella che sono anni che non lo fate

  4. Costo dell’operazione? 5000- euro? Costo dei vigili che ogni mercoledì, al posto che presenziare il mercato per fini di sicurezza dovranno controllare ogni bancarella? Quanti soldi entreranno dall’operazione? 1000 euro?E i poveri ambulanti che si sentiranno con il fiato sul collo, supercontrollati troveranno mercati più redditizi. Non capite che con tutta questa burocrazia uccidete il commercio?!! Ma conoscete un po’ di commercio o state giocando con la pelle dei cittadini? Menomale che voi della lega volevate mettere la flat tax. Non vi voterò più!

  5. “Era una necessità ovvia”??!! Ma questo vive sulla terra o su un altro pianeta? Ma con tutti i problemi che hanno i commercianti vi preoccupate delle strisce gialle? Sono queste le soluzioni che proponete per risolvere le chiusure dei negozi? Se volete far chiudere il mercato perché ci sono ambulanti extracomunitari ditelo…ma necessità ovvie, prioritarie,sono altre.

Comments are closed.