SARONNO – E’ stato Kamel Sahli a studiare e cucinare il menù della cena ecumenica organizzata venerdì sera al centro islamico di via Grieg a cui ha partecipato anche il prevosto don Armando Cattaneo e don Cristiano Bettega direttore dell’ufficio nazionale Cei per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso.

“Abbiamo deciso di proporre alcuni piatti tipici della nostra cultura gestronomica – spiega lo chef – ma riadattati, ad esempio riducendo un po’ la piccantezza in modo che fossero gradevoli anche per gli ospiti”. Da qui ad esempio una versione light della harira, zuppa marocchina tipica del periodo del Ramadan e il classico cous cous. In realtà la tavola era imbandita con pizza “anche questa resa il più possibile leggera anche alla luce del gran caldo”, pane arabo e gustosi involtini di sfoglia e verdure andati letteralmente a ruba. Davvero coreografiche le maxi insalatiere con verdure, riso e gamberetti mentre è stato lo chef Sahli a servire il cous cous e il pollo.

Da bere una dissetante limonata e l’immancabile the alla menta marocchino.
Per il gran finale in terrazza su una ricca tovaglia rossa è stata disposta una torta di panna con cannoncini al cacao “con dedica” ai due religiosi presenti. Ad accompagnare il dolce anche una serie di vassoi di biscotti diversi per forma e gusto da quelli con le mandorle a quelli coi pistacchi.

17062017