SARONNO – Gli anarchici si preparano a ritornare nell’isola pedonale: dopo il presidio antifascista di sabato scorso ed il movimentato mercoledì mattina al mercato cittadino con lancio di uova contro la stazione mobile della polizia locale, è ora il centro sociale Telos ad annunciare un “presidio anti-militarista”. L’appuntamento, battezzato “Non lasciamo in pace chi fa la guerra”, come quello di sabato scorso, è anche stavolta previsto in via Portici, a partire dalle 15.

In un comunicato – che sarà distribuito ai passanti – gli anarchici fanno sapere il loro punto di vista, parlando delle guerre e delle tensioni nel mondo e poi facendo riferimento ad imprese ed aziende della zona che operano nel settore militare o comunque realizzano prodotti che secondo loro hanno applicazioni anche in ambito militare, e contestano anche la presenza in provincia della base Nato, quella di Solbiate Olona.”Il nostro sforzo di azione e critica radicale è rivolto alle fondamenta di un mondo che fa della guerra il suo carburante, che vive grazie ad essa e che su di essa basa la propria possibilità di persistere – scrivono gli anarchici – Parlare della guerra significa parlare della nostra quotidianità. È impossibile tirarsene fuori, abbandonare l’indifferenza è un primo passo per capire che la guerra è la normalità in cui siamo inseriti. Non è forse guerra la polizia che controlla e reprime chiunque si ribelli? Non è forse guerra la videosorveglianza che ha appestato le città? Non è forse guerra la paura per il “diverso”? Non è forse guerra la continua devastazione ambientale? Non è forse guerra morire per strada perché non si ha un tetto sopra la testa? Non è forse guerra il lavoro che logora le nostre vite?”

(foto: un precedente presidio Telos)

27102017

20 Commenti

  1. si…si… mandateli a kabul a parlare di guerra ste fighet……. l’unica esperienza che hanno forse è un gioco su playstation…. e parlano di guerra…

  2. BENE E’ IL MOMENTO DI ARRESTARLI TUTTI, POI ARRESTARE ANCHE CHI GLI DA IL PERMESSO CHE METTE IN DIFFICOLTA’ IL NOSTRO SINDACO. MA LA VOGLIAMO FINIRE? DEVONO ESSERE MESSI IN GALERA, ALTRIMENTI NON C’E’ LEGGE E DIFESA DEL CITTADINO. SALVIAMO UNA VOLTA PER TUTTE SARONNO, ARRESTIAMOLI IN MASSA, SI PUO’ FARE !

  3. Ma quand’è che questo cancro verrà estirpato da Saronno?? Non se ne può veramente più! Ma nessuno si ricorda di quando (circa 20 anni fa) questi delinquenti non si erano ancora installati in città? Un bel po’ di problemi in meno…

  4. no, siete voi col vostro vandalismo e la vostra sporcizia che lasciate dopo ogni manifestazione

  5. Ma la smettete di fargli pubblicità e di pubblicare i loro testi deliranti!!!! Siete giornalisti o membri di questa combriccola di delinquenti figli di papà?!?!?!

  6. Siamo a metà mandato e il Fagioli é in balia di questi 4 teppistelli, peggio di prima: promesse elettorali non mantenute.
    Lo dico da anni, Lega Nord ovvero risposte sbagliate a problemi reali; rispetto ad altri partiti non nega l’esistenza dei problemi, anzi é la prima ad individuarli, ma poi quando deve passare all’azione non é efficace.
    Nel 2018 probabilmente Salvini sarà il nuovo premier, é bravo a denunciare le cose che non vanno adesso che é all’opposizione (e quello per ora deve fare), mi auguro però che sia più efficace rispetto a quanto lo furono Maroni ministro dell’Interno e Castelli alla Giustizia.

  7. Non è forse guerra infischiarsene delle regole, creare disagi e fastidio agli altri o imbrattare quello che ti sta intorno?
    Cialtroni!

  8. allora il programma poi sarà:
    sabato 04/11 presidio anti-champagne
    sabato 11/11 presidio anti-plutone
    sabato 19/11 presidio anti-glutine
    e per finire sabato 25/11 presidio anti-antipresidio!
    dite di essere come il vento… il vento tanto forte arriva..tanto presto passa… siete alla frutta!! anzi alle uova che tirate!!!mangiatele che forse è meglio!!!

  9. che lusso non aver un c.xxo da fare dalla mattina alla sera… e riescono anche a sprecarlo!

  10. Questo giornale è uno scandalo, la giudici è il loro ufficio stampa… ANDATE A LAVORARE!

Comments are closed.