Home Città Rimpasto, adesso parla Maria Elena Pellicciotta

Rimpasto, adesso parla Maria Elena Pellicciotta

1649
19

SARONNO – Sono giorni convulsi per politica saronnese e a farne le spese, almeno in questa prima fase, è stata Maria Elena Pellicciotta ormai ex assessore all’Urbanistica.

E’ stato un weekend decisamente intenso per la politica saronnese che probabilmente avrà conseguenze di lungo termine per il centrodestra, ma soprattutto lunedì è iniziato il rimpasto di cui lei è stata la prima vittima…
Quello che so del weekend politico l’ho letto dai giornali, così come della definitiva decisione del sindaco Alessandro Fagioli di revocarmi le deleghe. E questo non può che dare un’idea della mia profonda amarezza. Ieri mattina ero al lavoro ed ho saputo che Fagioli ha inviato il messo comunale a casa mia e poi una telefonata dalla sua segretaria, Luisa Masino (che ho ringraziato per l’attenzione) ha ufficializzato il ritiro delle deleghe. Da Alessandro Fagioli né una telefonata né un messaggio. Peccato.
Ha qualcosa da rimproverarsi?
Assolutamente no. Da quando ho firmato la mia delega, accettando una grande sfida prima di tutto con me stessa, ho dato il massimo dell’impegno e del mio tempo in un settore complesso, ma che con tanto studio e caparbietà ho imparato ben presto a conoscere e trattare. Ringrazio tutti i dipendenti comunali ed in special modo l’ufficio tecnico per il sostegno che mi hanno dimostrato in questi anni ed anche in queste ore e per la fiducia che hanno sempre riposto in me, nelle mie vedute e nel mio giudizio.
Ci tengo tantissimo a ringraziare anche i moltissimi cittadini, operatori e professionisti del settore, di ogni appartenenza politica, che mi hanno riempita di manifestazioni di stima ed affetto arrivate in questi giorni, a riprova del fatto che ho lavorato rendendomi sempre disponibile ad ascoltare tutti, senza fare differenze e rispettando il mandato che mi é stato dato con la massima trasparenza. ”

Ma quindi adesso cosa farà… appende la carriera politica al chiodo?
Non credo proprio. Mi sono impegnata tanto e ho scoperto in questi due anni che l’attività amministrativa mi piace e che ho una buona propensione.
Mi farà piacere, per tanto, dare un contributo per la mia città e magari aiutare a svecchiare la politica saronnese che si avvale purtroppo ancora degli stessi schemi e dei soliti giochi. Sono appena entrata in Forza Italia ed ho intenzione di continuare a fare politica qui, seppur al momento fortemente delusa e cosciente che spesso in questo ambiente e in molti altri la meritocrazia non paga…si vedrà.”

C’è qualche sassolino dalla scarpa che si vuole togliere?
Direi che non è questo il momento. Certo esser sostituita non per motivazioni lavorative, (il mio lavoro è stato più che lodato e tutti hanno manifestato apprezzamenti) ma solo per incastri politici non lo trovo corretto, ma mi han detto che quando la politica si muove, la politica decide! Comunque ci sarà tempo per i sassolini e per tutte le azioni del caso.
Non faccio quindi mistero della mia amarezza e del grande rammarico per la gestione della vicenda realizzata dal sindaco e dalla maggioranza. Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più dal punto di vista politico e soprattutto da quello umano. Basti dire che da giovedì non riesco a parlare con il sindaco. Mi son vista trattare come una pedina più che come una persona . Ed io non ci sto. Sono logiche alle quali non intendo abituarmi.
Il rimpasto è ancora in corso, voglio capire le motivazioni addotte dal sindaco e poi prenderò le mie decisioni e farò i miei passi”.

19 Commenti

  1. Lega Nord e forza Italia sono già al divorzio a livello nazionale…. chiare le azioni richieste

  2. La pochezza del sindaco si evince da queste piccole attenzioni alla persona che non ci sono state.
    Saronno deve portare pazienza ancora un paio di anni e poi ci libereremo definitivamente di questo sindaco che, giorno dopo giorno, conferma di essere il peggiore di tutti i tempi.

    • Maria Elena Pellicciotta non aveva le competenze e la preparazione per ricoprire questo ruolo. Il suo curriculum (disponibile anche online) lo può testimoniare.
      Non ho votato questo sindaco (il mio voto era per l’opposizione), ma di sicuro questo ruolo di Assessore all’Urbanistica spettava ad una persona più preparata.
      Mi auguro che la prossima nomina sia all’altezza di questo incarico.

      • Perché il sindaco e mezza giunta avevano i titoli per ricoprire cariche così importanti?

    • Esagerato. Porro è stato il peggiore di tt i tempi.
      Sinceramente nn è semplice ripartire dopo una gestione di sinistra. Una gestione che ci ha riempito di spacciatori che bivaccano in centro…centri culturali …..telos …abusivi…accattoni ecc ecc.

      • Certo e con questa buffonata e le promesse non mantenute (e impossibili da mantenere) ci saranno sempre boccaloni che vi votano.

  3. Un’ottima assessora, peccato per quell’incauto e forzato ingresso in Forza Italia

    • Forse un’ottima persona, ma non aveva le qualifiche e la preparazione per ricoprire questo ruolo.

  4. Ma cos’è questa censura dei commenti? Ci fate pensare che li manovriate contro il sindaco, viene tutto censurato…

    • 🙂 🙂 🙂 sperava di salvarsi la poltrona…invece così si è data da sola la zappa sui piedi perché oltre che essergli saltato l’assessorato ha anche perso la fiducia dei cittadini. In politica ogni mossa deve essere studiata bene, questo azzardo mi dispiace ma credo l’abbia “tagliata fuori” per sempre dalla politica locale.

  5. Non capisco le “velate” minacce .. “azioni da intraprendere “. A prescindere da metodi e motivazioni per la rimozione dall’incarico un assessore non ha un contratto di lavoro… è un incarico “fiduciario “…. poi dopo questo articolo e quello di De Marco si è bruciata qualsiasi futuro nel centro destra saronnese. A meno che non andare con Indelicato….

  6. Tutta questa telenovela (cit. Indelicato) ha dato la definitiva misura della inconsistenza politica di questa amministrazione e dei variegati “cespuglietti” cresciuti all’ombra dell’albero Lega: personaggi in cerca di… strapuntini!

  7. Per chi non lo sapesse questo assessore è stato scelto solamente dal sindaco e non dal gruppo in cui faceva parte ed era tesserata.Inoltre come da statuto di Saronno Protaganista il 50% del suo stipendio doveva essere versato alla lista civica cosa mai fatta!!!

Comments are closed.