SARONNO – GERENZANO – “E’ stata una doccia fredda come avete scritto voi. Della crisi sapevamo tutti ed anche dei licenziamenti ma certo speravamo che non toccasse a noi. Perchè comunque eravamo una squadra, un gruppo di lavoro da oltre 10 anni”. Sono le parole di uno dei dipendenti del centro commerciale Bossi di via Clerici che giovedì ha ricevuto la lettera di licenziamento nell’ambito della crisi Grancasa, che qualche anno fa ha acquisito la storica struttura commerciale.

“Noi eravamo i più “giovani” ma comunque eravamo tutti lì da più di 10 anni. E non solo. Sono state messe in difficoltà persone e famiglie – continua il dipendente – c’è chi tra noi ha un mutuo, chi vive solo e non sa come continuare a pagare i conti e chi sta allargando la famiglia. E’ difficile accettare di ritrovarsi senza lavoro dall’oggi al domani”.

Dopo l’assemblea i lavoratori sono stati affiancati dai sindacati che hanno prospettato la possibilità di impugnare il licenziamento: “E’ una strada che stiamo valutando anche se al momento quello che prevale è l’amarezza e la preoccupazione per il futuro”.

05072019

11 Commenti

  1. C’è rabbia ogni volta che si sente dire che si deve licenziare. Il Bossi in zona non ha grandi concorrenti. Sicuramente internet ha influito parecchio.

    • Leroy Merlin, bricoman, il centro, auchan e me ne sarò dimenticato qualcuno…..sono più i negozi che le persone…prima che economia è matematica.

      E poi si vengono a creare queste situazioni che mettono in difficoltà la società….mi dispiace per queste famiglie.

      • Purtroppo ha ragione. I Cittadini sempre quelli sono, crisi o non crisi quello si puo’ spendere. Se la crisi influisce un ’bout, il proliferare di punti vendita e’ stato impressionante negli ultimi anni. Impressionante. Poi, giustamente, aggiungiamoci il web.
        Bossi ai tempe che io ero ragazzo aveva concorrenza orossima allo zero.

      • Leroy Merlin e bricoman mi spieghi come si vanno a sovrapporre a Grancasa che vende elettrodomestici e mobili?!?!??!

        • Leroy Merlin e bricoman si sovrappongono per la parte bricolage.
          Per la parte mobili ed elettrodomestici non mi viene in mente la sovrapposizione, mi aiuti lei.

          • la parte bricolage come quella sport non è più di Grancasa ma ha una gestione differente

  2. discorso comprensibile però l’alternativa sarebbe stata tirare avanti fino al fallimento e metterne 30 in mezzo a una strada invece di 7

  3. Sono dispiaciuto per le persone che hanno perso il lavoro.
    Purtroppo il Bossi dovrebbe adeguarsi alla concorrenza soprattutto per quel che riguarda gli orari di apertura. Secondo me non è sostenibile mantenere la chiusura pomeridiana in pausa pranzo quando l’orario continuato è ormai la norma.

    • Secondo me non sono tanto gli orari, che per me sarebbero più umani, ma tanto i prezzi che sono leggermente al di sopra della media.
      Comunque è tutta una serie di cose che generano queste situazioni e purtroppo non basta la simpatia e la vicinanza a casa ad evitarle.

Comments are closed.