Home Città Il saronnese Tarabbia vince il premio Campiello

Il saronnese Tarabbia vince il premio Campiello

1745
8

SARONNO – Il saronnese Andrea Tarabbia ha vinto il Premio Campiello 2019 con “Madrigale senza suono”. Edito da Bollati Boringhieri, l’opera di Tarabbia, finalista anche per il Premio Strega, ha ottenuto 73 voti sui 277 espressi dalla Giuria Popolare dei Trecento Lettori anonimi. Il saronnese è al suo secondo Premio Campiello, la prima volta era stato in cinquina nel 2016 con ‘Il giardino delle mosche’. La premiazione sabato sera al Gran Teatro La Fenice di Venezia alla presidente del Senato, Elisabetta Casellati.

L’opera
Un uomo solo, tormentato, compie un efferato omicidio perché obbligato dalle convenzioni del suo tempo. Da lì scaturisce, inarginabile, il suo genio artistico.
Gesualdo da Venosa, il celebre principe madrigalista vissuto a cavallo tra Cinque e Seicento, è il centro attorno a cui ruota il congegno ipnotico di questo romanzo gotico e sensuale. Come può, è la domanda scandalosa sottesa, il male dare vita a tale e tanta purezza sopra uno spartito?
Per vendicare l’onore e il tradimento, il principe di Venosa uccide Maria D’Avalos, dopo averla sposata con qualche pettegolezzo e al tempo stesso con clamore. Fin qui la Storia. Il resto è la nostalgia che ne deriva, la solitudine del principe: è lì, nel sangue e nel tormento, che Andrea Tarabbia intinge il suo pennino e trascina il lettore in un labirinto.Questa storia − è ciò che il lettore scopre sbalordito − ci parla dritti in faccia, scollina i secoli e arriva fino al nostro oggi, si spinge fino a lambire i confini noti eppure sempre imprendibili tra delitto e genio.
Con un gioco colto e irresistibile, tra manoscritti ritrovati e chiose di Igor’ Stravinskij − che nel Novecento riscoprì e rilanciò il genio di Gesualdo − Andrea Tarabbia, scrittore tra i migliori della sua generazione, costruisce un romanzo importante, destinato a restare.
L’edificio che attraverso Madrigale senza suono Tarabbia innalza è una cattedrale gotica da cui scaturisce la potenza misteriosa della musica. È impossibile, per il lettore, non spingere il portale. E, una volta entrato, non restarne intrappolato.

Chi è Andrea Tarabbia
Andrea Tarabbia, nato a Saronno nel 1978, russista di formazione, è docente di letteratura comparata presso l’Università di Bergamo. Ha pubblicato i romanzi La calligrafia come arte della guerra (Transeuropa, 2010), Marialuce (Zona, 2011) e Il demone a Beslan (Mondadori, 2011), il saggio Indagine sulle forme possibili (Aracne, 2010), l’e-book La patria non esiste (Il Saggiatore, 2011) e Madrigale senza suono (Bollati Boringhieri 2019). Oltre a scrivere sulla rivista Il primo amore, pubblica articoli per Liberazione, Gli altri, Nazione indiana.

(Foto archivio)

15092019

8 Commenti

  1. Complimenti e felicitazioni, auspicando sempre maggiori successi per un futuro professionale nel mondo culturale non solo nazionale ma euro mondiale. Auguri anche ai genitori.

  2. Complimenti Andrea !
    Per me non è una novità. Ti conosco da moltissimi anni e non ho mai avuto dubbi che la tua padronanza nella scrittura, e la tua grande umiltà, Ti avrebbe aperto la porta della celebrità !
    Vola sempre più in alto con le ali della Letteratura !

  3. Leggo sulla pagina CHI SONO del sito dell’autore:

    “Sono nato a Saronno, in provincia di Varese ma grazie a dio vicina a Milano, nel 1978. ”

    Altro non c’é da dire, la fortuna di Saronno é che é una cittadina che vive si di vita propria come altre cittadine, ma tra tutte é la meglio collegata con Milano.
    Varese é lontana, lontana, per fortuna, aggiungo anch’io.

Comments are closed.