Home Città Coronavirus Fase 2, cosa cambia dal 4 maggio: mascherine, visite a parenti,...

Coronavirus Fase 2, cosa cambia dal 4 maggio: mascherine, visite a parenti, autocertificazione, aperture

4487
12

SARONNO / MILANO – Ecco, punto per punto, le disposizioni valide in Lombardia dal 4 al 17 maggio per effetto delle ultime ordinanze approvate il 30 aprile.

Mascherine – In Lombardia è sempre obbligatorio indossare la mascherina, o un qualsiasi altro indumento a protezione di naso e bocca, quando ci si trova al di fuori della propria abitazione. La mascherina non è obbligatoria per i bambini fino ai sei anni, per i portatori di forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e per le persone che interagiscono con loro.

Commercio al dettaglio – L’accesso alle attività commerciali al dettaglio è consentito ad un solo componente per nucleo familiare, fatta eccezione per la necessità di recare con sé minori, disabili o anziani. Gli esercenti devono mettere a disposizione dei clienti guanti monouso e idonee soluzioni idroalcoliche per le mani prima dell’accesso all’esercizio. Ai gestori di ipermercati, supermercati e discount di alimentari si raccomanda di rilevare la temperatura corporea sia dei clienti che del personale, prima di autorizzare l’accesso: chi ha una temperatura superiore a 37,5 °C dovrà fare ritorno alla propria abitazione, limitare al massimo i contatti sociali e contattare il proprio medico curante.

Mercati – I comuni possono riaprire uno o più mercati scoperti presenti sul proprio territorio per la vendita di prodotti alimentari, a patto che garantiscano l’osservanza delle misure di prevenzione igienico-sanitaria e di sicurezza previste nell’ordinanza. I mercati coperti possono aprire, per la vendita dei prodotti compresi nelle merceologie consentite, a condizione che il Sindaco del comune di riferimento adotti e faccia osservare un piano per ogni specifico mercato. Restano sospese le sagre e le attività di vendita dei prodotti non alimentari nei mercati scoperti.

Altre attività economiche – È consentita la prosecuzione dell’attività per gli alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero ed è consentita l’attività da parte degli esercizi di toelettatura degli animali da compagnia, purché il servizio venga svolto per appuntamento senza contatto diretto tra le persone. I concessionari di slot machines devono bloccarle. Gli esercenti devono disattivare monitor e televisori di giochi, a prescindere dalla tipologia di esercizio in cui tali apparecchi sono presenti, che prevedono puntate accompagnate dalla visione dell’evento anche in forma virtuale, in modo da impedire la permanenza degli avventori per motivi di gioco all’interno dei locali.

Sono poi previste alcune indicazioni per i residenti.

Spostamenti – Sono consentiti gli spostamenti dovuti a comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o situazioni di necessità. Dal 4 maggio è possibile recarsi in visita dai congiunti (cioè parenti e affini, coniuge, conviventi, fidanzati stabili, affetti stabili) purché venga sempre rispettato il divieto di creare assembramenti anche all’interno delle abitazioni, mantenendo il distanziamento di sicurezza e utilizzando mascherine o altre protezioni per le vie respiratorie. Rimangono vietati i trasferimenti in altre regioni, salvo che per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute oppure per assoluta urgenza. È in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Durante gli spostamenti sarà sempre necessario portare con sé l’autocertificazione. Le persone sottoposte a quarantena, o che hanno sintomi da infezione respiratoria o febbre maggiore di 37.5° C, devono assolutamente rimanere presso il proprio domicilio.

Attività motoria – È consentito svolgere attività motoria o passeggiate all’aperto senza più il vincolo di rimanere entro il raggio di 200 metri dalla propria abitazione. L’attività può essere svolta solo individualmente, oppure con un accompagnatore nel caso di minori o persone non completamente autosufficienti, rispettando sempre la distanza di sicurezza dalle altre persone. Parchi e giardini possono essere aperti e accessibili, ma non è consentito svolgere attività di natura ludica o ricreativa all’aperto; pertanto le aree attrezzate per il gioco dei bambini rimangono chiuse.

Allenamenti per gli atleti – Sono consentiti gli allenamenti per gli atleti riconosciuti di interesse nazionale dal Coni, Cip e dalle rispettive federazioni. Gli allenamenti devono avvenire nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e a porte chiuse.

Bar, ristoranti, ristorazione solo in take away – Le attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie rimangono sospese, ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Le attività di ristorazione potranno effettuare vendita da asporto e di consegna a domicilio. Il consumo non deve avvenire all’interno del locale, né al suo esterno devono formarsi assembramenti in cui non si rispetta la distanza fra le persone.

Attività produttive – Confermato il calendario delle ripartenze delle attività produttive. Dal 27 aprile sono ripartite le aziende ritenute strategiche dedite ad attività di export e i cantieri dell’edilizia pubblica (cantieri relativi a scuole, istituti penitenziari, edilizia residenziale pubblica e interventi contro il dissesto r idro-geologico) con richiesta di autorizzazione in deroga ai Prefetti. Dal 4 maggio ripartono le attività di manifattura, costruzioni e commercio all’ingrosso, indicate nel dettaglio nell’allegato n.3 del Dpcm. Le imprese che riprenderanno la loro attività a partire dal 4 maggio possono svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura in sicurezza già a partire dal 27 aprile. Le attività devono rispettare le norme di sicurezza previste dai Protocolli sottoscritti tra le parti sociali, pena la sospensione dell’attività. I Protocolli regolano, tra le altre cose, le normative da rispettare per l’ingresso in azienda e nei cantieri, la sanificazione straordinaria negli spazi comuni, la sorveglianza sanitaria, l’organizzazione di aziende e cantieri e il distanziamento tra dipendenti. Le attività produttive che rimangono sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza oppure in lavoro agile.

Funerali – Dal 4 maggio possono essere nuovamente celebrati i funerali, ma soltanto alla presenza di parenti di primo o secondo grado per un massimo 15 persone. Le funzioni vanno svolte possibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza tra le altre persone.

01052020

12 Commenti

  1. Non è chiaro se per una passeggiata nel parco di fronte a casa serva o no l’autocertificazione, a sto punto non credo, visto che si resta nel proprio comune di residenza.

  2. Questo lo possiamo fare noi.
    Ma quello che dovete fare Voi, subito ( e che avreste dovuto fare molto tempo fa) per mettere in sicurezza i cittadini in quale decalogo è scritto?
    Quando i tamponi? Quali servizi ai contagiati?
    Paolo Enrico Colombo

  3. Ok, il peggio FORSE è passato. ma ora riflettiamo tutti.
    Riflettiamo serenamente su cosa va aggiustato nella sanità della nostra Lombardia, tra le migliori sanità in tempi normali, ma risultata impreparata davanti alle epidemie.
    Riflettiamo su tutti coloro che evadendo le tasse hanno spinto il paese a tagliare i servizi pubblici, e che però in questi tragici mesi hanno come tutti beneficiato del sacrificio dei medici.
    Proponiamoci di non acquistare più da chi ci propone pagamenti in nero.
    Altrimenti, tutti quei ringraziamenti ai medici, tutte quelle cantate ai balconi, tutti quei tricolori, tutti quegli inni-d’Italia saranno stati puro teatro italiano e pura ipocrisia.
    Qualcosa deve pur cambiare.

      • E perché, a te piace credere che io li volessi escludere? O la tua è la solita furbata del “ben altro”? O sei tra quelli che vuol farci credere che evasione per 120 miliardi anno siano un peccatuccio innocente? Che vuoi che sia, in fondo, togliere 120 miliardi alla sanità pubblica e alla ricerca.
        O sei tra quelli che crede che i politici sono ladri e disonesti (tutti, è ovvio, senza distinzioni, vero?) ma il popolo, ah no il popolo è santo, mica evade il popolo, mica paga tangenti il popolo.

  4. E come dall’inizio di sta epidemia ai Bambini nessuno ci pensa. Il comportamento del governatore Fontana e della Regione Lombardia verso i più’ piccoli e’ a dir poco scandalosa. I bimbi HANNO bisogno di socializzare e giocare all’aperto. !!!! Sono Bambini e gli stanno privando dell’unica cosa di cui hanno bisogno.

  5. Nel decreto è specificato che i bar nelle aree di servizio carburanti devono rimanere chiuse, sapermte dirmi il motivo ?

  6. Fontana se voglio quindi farmi un giro in bici da saronno posso andarmene a Varese ???

  7. A proposito di tracciabilità perché il governo non inventa un’app anche per tracciare quei parassiti che non pagano le tasse sfruttando i servizi e godendo magari anche dei vari sussidi perché risultano nullatenenti.

Comments are closed.