SARONNO – Arrestato nei giorni scorsi dalla polizia di Stato a Paderno Dugnano con un connazionale, per la detenzione di oltre un chilo fra cocaina ed eroina, un marocchino di 25 anni è stato adesso chiamato a rispondere anche di un episodio avvenuto nel maggio scorso a Limido Comasco: l’auto che guidava, in orario notturno, era incappata in un posto di blocco dei carabinieri del comando di Mozzate, ed all’alt aveva tirato dritto quasi investendo uno dei militari. C’era stata poi una fuga ed un inseguimento sino a Saronno dove infine aveva perso il controllo del mezzo ed era uscito di strada. Ma era scappato a piedi riuscendo a dileguarsi nell’oscurità delle campagne circostanti.

Secondo gli investigatori, al volante dell’auto c’era proprio il nordafricano, la cui posizione si è dunque ulteriormente aggravata; oltre che della detenzione di stupefacenti è stato infatti chiamato a rispondere anche di quel episodio pregresso.

(foto archivio: una pattuglia dei carabinieri in servizio notturno sul territorio)

09072020

3 Commenti

      • Ma ancora che pontificate!
        Chiudete gli arrivi aerei da alcuni stati per il covid e invece continuano gli sbarchi degli irregolari siete i soliti ipocriti!

Comments are closed.