Home Città New deal stazione, Dho (Ob Sar): “Dalla passerella tra via Luini e...

New deal stazione, Dho (Ob Sar): “Dalla passerella tra via Luini e viale Santuario più sicurezza per gli studenti”

504
10

SARONNO – Pubblichiamo integralmente l’intervento del consigliere comunale Cristiana Dho di Obiettivo Saronno in merito al new deal del polo ferroviario saronnese.

Questa sera noi consiglieri siamo chiamati a esprimere il nostro parere su un progetto che riguarda diversi ambiti della nostra città.
Regione Lombardia ha messo a disposizione un investimento complessivo pari a circa 35 mln di euro. Da qui è nato l’interesse di Ferrovie Nord di stipulare un Protocollo d’intesa con il Comune di Saronno per poter realizzare l’intervento di riqualificazione della Stazione Centro e la riorganizzazione del suo Polo infrastrutturale tecnologico-manutentivo, sito nei pressi della Stazione con un’estensione superficiale che confina con via Diaz, via Don Griffanti e Piazza Mercato.

Come è noto Saronno è una città importante per il suo snodo ferroviario che permette ai cittadini e alla logistica in generale di usufruire di un servizio di trasporto e di collegamento con il resto della regione e non solo. Riteniamo, per questo motivo, che il progetto di riqualificazione proposto da Ferrovie Nord sia un vantaggio per il nostro territorio, un investimento che porterà i suoi frutti.

Il progetto verrà gestito nell’ambito della procedura art. 19 della Legge regionale n. 9/2001, previa approvazione dello studio di fattibilità tecnica ed economica e successiva approvazione del progetto definitivo. Questa procedura sarà attivata da Regione Lombardia che metterà a disposizione le risorse finanziarie necessarie alla sua realizzazione (DGR n. XI/3531/2020).
La riorganizzazione del Polo infrastrutturale consentirà la razionalizzazione del consumo del suolo – con la realizzazione anche di parcheggi interrati – e l’ammodernamento delle officine dedicate alla manutenzione – con vantaggi in termini di impatto ambientale. Tre edifici bassi di nuova costruzione saranno destinati ad uffici e ciò permetterà di trasferire un centinaio di lavoratori da Milano a Saronno creando così un maggior indotto per la città, un ottimo input per la sua rivitalizzazione.
Durante la trattativa l’Amministrazione comunale, per la via Don Griffanti, ha richiesto e ottenuto la realizzazione di una superficie – concessa in uso perpetuo al Comune – dotata di aree verdi di connessione con il Parco Carlo Porta e di parcheggi; anche questo intervento permetterà di dare una nuova connotazione alla via che collega viale Rimembranze alla Piazza del Mercato con la continuità del verde e con una aumentata disponibilità di parcheggi.
Un’altra opera, che pensiamo sia molto gradita ai cittadini, sarà la realizzazione di un nuovo asse ciclopedonale che collega via Luini con l’area del Santuario, superando l’attuale sottopasso di via 1° Maggio. Questo intervento è molto importante per la gestione e la sicurezza dei flussi in particolare degli studenti che dalla stazione devono raggiungere il polo scolastico sito in zona Santuario.

È prevista inoltre la realizzazione di un percorso ciclopedonale tra via Milano e via Molino, con la realizzazione di una velostazione light. Sempre rimanendo su questo tema, con questo accordo l’Amministrazione comunale è riuscita a ottenere la concessione in comodato d’uso per 30 anni, prorogabile fino al 2060, del sedime della tratta ferroviaria urbana dismessa Saronno-Seregno: su questa area sarà possibile progettare e realizzare la “Pista ciclopedonale e il parco lineare” a cura e spese del Comune, con l’eventuale possibilità di demolire, parzialmente o totalmente, l’ex casello ferroviario di via Piave al fine di migliorarne la viabilità. Riteniamo che anche questo sia un progetto di riqualificazione molto importante per la città che vedrà la rinascita di un’area dismessa da tempo – una frattura nel territorio cittadino – con la potenzialità di diventare simbolo di rivitalizzazione di una città orientata alla cura dell’ambiente e del benessere dei suoi cittadini.
A proposito dell’area della Stazione Centro, citiamo gli interventi di:
• restyling del “Fabbricato Viaggiatori” con la rimozione di alcune parti che verranno ricollocate all’interno del Polo infrastrutturale
• il completamento della pensilina del primo binario
• il restyling del sottopasso centrale della stazione con l’inserimento di due ascensori
• l’installazione di barriere fonoassorbenti a protezione dei fabbricati prospicienti i binari tronchi 1 e 2.
L’Accordo che stiamo per approvare prevede infine un ulteriore impegno delle Parti nei confronti di Regione Lombardia per il reperimento di finanziamenti necessari alla realizzazione degli interventi relativi al parcheggio interrato nell’area ex CEMSA – confinante con l’area ex Isotta Fraschini – e al sottopasso di Piazza Mercato di collegamento con il polo scolastico del Santuario.
Quello che vi ho raccontato, dopo diversi anni di trattative della precedente Amministrazione con Ferrovie Nord mai andate a buon fine, sta diventando realtà e consentirà alla nostra città di iniziare il percorso tanto atteso e auspicato dai cittadini di rinascita e rivitalizzazione della nostra Saronno. Vi ringrazio per l’attenzione.

10 Commenti

  1. buongiorno si vede dal mattino……
    Fantastica notizia assessore Dho, Grazie per la sua celere ed esaustiva comunicazione.
    La città di Saronno finalmente farà un salto nel futuro, sarà l’avanguardia delle città all’avanguardia, sarà una città dove anche gli uccelli useranno i treni per spostarsi. Grazie a questi cambiamenti alla rete ferroviaria i treni arriveranno in orario e profumeranno di gelsomino.
    Grazie alle nuove aree verdi ( piccole aiuole tra i posti macchina) la città di Saronno diventerà la nuova Amazzonia.
    Evviva l’assessore Dho.
    Evviva Obbiettivo Saronno ( 1920 ??? ) .
    Evviva la giunta Airoldi.

  2. Gli studenti vanno salvati anche dalla presenza assidua degli spacciatori. Sindaco&co vogliamo agire o si continua a dormire??

    • E con la passerella anche gli spacciatori arriveranno più facilmente sul viale Santuario perché come adesso non ci sarà nessun controllo complimenti!!!

      • Ma gli spacciatori non esistono, li ha debellati tutti la giunta Fagioli, mi vorrà forse dire che non ha letto i mirabolanti proclami in campagna elettorale

  3. Tutto bene, tranne l’ultima frase, la campagna elettrale è finita da mesi ormai, la poltrona assicurata e il progetto frutto di tratrative durate anni e diverse amministrazioni.
    Prima fare e poi suonare i tromboni!

  4. Merlotti ha esordito nella presentazione riconoscendo i meriti della passata amministrazione… forse lui ha studiato le carte meglio di lei.

  5. Prima di muovere una pietra sul sedime dovranno fare delle analisi sul materiale che risulterà sicuramente inquinato dai freni dei treni. i costi dello smaltimento saranno a carico del comune? siamo a posto, paga la dho?

  6. E per l’attraversamento pedonale del Santuario, che normalmente la mattina è invaso dagli studenti?
    Va bene che ora hanno orari sfalsati e ce n’è qualcuno di meno. Però pensare a come gestire quell’attraversamento ed il “tappo” che crea nel traffico della varesina, non sarebbe male.

Comments are closed.